Serie TV

Aldo Moro-Il Professore, la docufiction con Sergio Castellitto

Nel quarantesimo anniversario del suo assassinio, martedì 8 maggio Rai 1 racconta il volto meno noto di Aldo Moro, quello accademico

Aldo Moro - Il Professore Sergio Castellitto

Francesco Canino

-

Uomo, grande statista ma anche docente universitario. Nel quarantesimo anniversario del suo assassinio, Rai 1 racconta nella docufiction Aldo Moro-Il Professore, in onda martedì 8 maggio in prima serata, uno dei volti meno noti di Aldo Moro, quello accademico. Ad interpretarla sarà Sergio Castellitto, cui spetta il compito dare il volto al Moro professore e al suo rapporto privilegiato con gli studenti della facoltà di Scienze Politiche.

Aldo Moro-Il Professore, la docufiction con Sergio Castellitto

Nel quarantesimo anniversario dell'assassinio di Aldo Moro, avvenuto il 9 maggio del ‘78 per mano delle Brigate Rosse, Rai 1 fa rivivere sul piccolo schermo il Moro professore, giurista di lungo corso e ordinario all’Università La Sapienza di Roma, dove insegnò dal novembre del 1963. 

Il rapporto con gli studenti non era limitato all’aspetto puramente accademico: oltre alla sua capacità didattica, Aldo Moro-Il Professore mette in luce la totale disponibilità al confronto con gli studenti e la sua capacità di coinvolgerli in continue iniziative attinenti ai temi civili e sociali. La docufction di Rai 1 ricostruisce il pensiero di Moro e il profondo senso dello Stato e della Giustizia che comunicava anche attraverso le sue lezioni.

 

Cosa racconta la fiction di Rai 1

È uno straordinario Sergio Castellitto il protagonista di Aldo Moro-Il Professore, che parte dal 16 marzo del 1978, giorno del rapimento dello statista in via Fani, per raccontare i cinquantacinque giorni del rapimento attraverso gli occhi e i sentimenti di quattro studenti del corso di Procedura Penale, in particolare quelli di una studentessa in procinto di discutere con lui la tesi di laurea.

La docufiction diretta da Francesco Miccichè spiega come furono vissuti quei giorni carichi di dolore e di angoscia, ricostruisce il clima di quel periodo e il pensiero di Moro attraverso la riproposizione di frammenti di lezioni, discussioni in aula e esperienze vissute collettivamente. Era talmente forte il rapporto che Moro aveva creato con i suoi studenti, che gli indirizzò una lettera dalla prigionia, porgendo loro "il suo saluto a ettuoso e il rammarico di non poter andare oltre nel corso".

55 Giorni. L’Italia senza Moro, l'orazione di Luca Zingaretti

Ad aprire la serata interamente dedicata al ricordo dello statista, alle 20.30 su Rai 1 propone 55 Giorni. L’Italia senza Moro, un’orazione civile diretta e interpretata da Luca Zingaretti, tratta dall’omonimo libro di Stefano Massini. Attraverso l’interpretazione di Zingaretti, gli estratti del libro di Massini, documenti, video e immagini di grande impatto ricostruiscono la cronaca del sequestro.

"Credo che sia doverosa non solo la ricerca della verità, ma anche celebrare, dando loro voce, le vittime di quella tragedia", spiega Zingaretti, che reciterà con l’attrice Alessia Giuliani e il pianista Arturo Annecchino. Nel corso della lettura ci sarà anche un ricordo di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978, lo stesso giorno di Moro.

Per saperne di più: 



© Riproduzione Riservata

Commenti