Tv: Rai2; Pechino Express
Televisione

Costantino della Gherardesca: "Condurrò un talent per aspiranti parrucchieri"

"E' un format 'assurdo', con un’atmosfera almodovariana", anticipa

Un programma "assurdo", dalla atmosfere almodovariane. Così Costantino della Gherardesca descrive Hair, il nuovo format che nel 2015 condurrà su Real Time. Come Simona Ventura, anche il volto di Pechino Express ha deciso di "lavorare a progetto", saltando dalla tivù generalista a quella digitale: una capriola di snobismo, come lui stessa l'ha definita, che lo catapulterà nel mondo degli aspiranti parrucchieri.

Hair, il talent tendenza messa in piega

Così il prossimo anno, Costantino sbarcherà su Real Time con una serie di nuovi progetti targati Magnolia (la casa di produzione di Pechino Express, di cui è che della Gherardesca condurrà anche la quarta edizione). Si parte con Hair, un talent show che avrà come protagonisti degli aspiranti parrucchieri. "E’ un programma molto ironico ma anche tecnico - anticipa il conduttore al Corriere della Sera - Il vantaggio è che mi permette di lavorare molto sulla scrittura della trasmissione, cosa che non potrei mai fare in format più grandi in cui dovrei limitarmi a giudicare fantasisti vari e ballerini di polka". 

Dalla generalista al digitale

Costantino confessa al Corriere di essere stato corteggiato dalla tivù generalista, ma di aver detto no rinunciando anche a sostanziosi contratti. "Ho detto no con capriole di snobismo assurde", spiega. Il motivo? La scelta di restare slegato a certe dinamiche irregimentate. "Per me è importante fare una tv slegata dallo star system italiano, che proprio non mi piace. Fare programmi slegati da quell’ambiente in qualche modo mi sembra più nobile". Indefintiva, ammonisce Costantino, Hair sarà un programma cool, con contenuti anche alti. "Di certo più alti di quelli di FedezX Factor: Fedez è un rapper per bambine, è la Cristina D’Avena del rap". Una definizione che il rapper non ha gradito e così i due, ieri, hanno ingaggiato un serrato battibecco via Twitter.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti