Amici 12: buona la prima del serale con Renzi e Ford

Ottimi ascolti per la prima puntata del serale del talent. Eliminati Chiara, della squadra dei bianchi, e Andrea dei blu

Matteo Renzi Amici

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi era l'ospite più atteso. Tra i giudici anche Harrison Ford – Credits: (Facebook/Amici)

Francesco Canino

-

Buona la prima. La corazzata defilippiana non conosce logorio e vince la sfida degli ascolti del sabato sera, catalizzando l’attenzione di 5 milioni e 280 mila spettatori. Il serale di Amici 12 quest’anno ha cambiato pelle per virare verso la serata-evento, un mega show che non risente del fatto di essere stato registrato una settimana fa e spoilerato a più riprese sul web. Il montaggio ha tolto alcuni momenti morti e la regia di Roberto Cenci, il suo tocco si riconosce subito, ha valorizzato le scene ideate dal direttore artistico Giuliano Peparini.

MOMENTO RENZI. La guest star più attesa era Matteo Renzi. Il Sindaco di Firenze entra nell’arena di Amici con giubbotto di pelle che fa tanto ‘gggiovane’ e parte col monologo. Parola d’ordine: speranza. “Vorrei dirvi che noi ci aspettiamo da voi giovani che ci aiutiate a costruire la speranza”. Poi replica secco a quanti lo hanno attaccato per aver accettato l’invito di Maria De Filippi: “Ma come si fa ad andare ai talent show, mi hanno detto. Non perdonate quei politici che vogliono cancellare il talento. Il futuro del paese è di quelli che andranno avanti col proprio sudore”. Infine cita Brunelleschi: “Tutti li consideravano mezzo matto perché voleva costruire una cupola enorme. Ha avuto il coraggio d’insistere e di crederci: alla fine ce l’ha fatta. Insistendo e credendo nei propri sogni ce la si può fare: solo così si può raggiungere l’obiettivo”.

SFIDE ED ELIMINAZIONI. Bello il meccanismo delle sfide incrociate su diverse specialità, coi capisquadra Emma Marrone e Miguel Bosè che scelgono i ragazzi da calare al momento più opportuno. “Attenta che il signor Bosè è una volpe” dice la De Filippi ad Emma. “Sì, ma ho un cuore”, replica lui. “Io invece ce le ho tutte ma la furbizia mi manca” chiosa ironica la cantante salentina. Belli i duetti con i super ospiti: ieri sera c’erano Gianna Nannini, Marco Mengoni, Fabri Fibra e Gino Paoli, che duetta con Ylenia – in Una lunga storia d’amore – e strappa lacrime a mezzo studio. Alla fine la prima ad essere eliminata è Chiara, della squadra bianca, poi Emma fa un’ottima rimonta e il secondo eliminato è Andrea, dei bianchi.

OSPITI E PROFESSORI. Manca l’orchestra - aridatece il mitologico direttore Beppe Vessicchio - e anche la geniale Platinette. In compenso la De Filippi cala subito l’asso da novanta e invita come quarto giudice Harrison Ford, che sfoggia la stessa espressione – rigidissima e vagamente attonita – per tutta la puntata. Si desta solo quando Maria gli regala un olivo toscano. “Ma come lo porto a casa?” chiede ironico. “Glie lo spediremo noi” replica la padrona di casa. Decisamente più sprint i giudici nostrani, Sabrina Ferilli (nel mirino, su Twitter, con battute su poltrone e dintorni) e i due torinesi Gabry Ponte e Luca Argentero - il più frizzante ed entusiasta dei tre. Numero uno, come sempre, Mara Maionchi. Quando la De Filippi le chiede come si sta comportando Emma dice: “E’ brava e guida la squadra con decisione. Certo, non è come Bosè che parla parla parla. Tutti i chiacchieroni poi portano a casa i voti”. Ed è  proprio con Bosè che battibecca, con una buona dose di sarcasmo, per tutta la sera: “La meni, rompi i maroni ma sei forte”. Ospiti della seconda puntata, Luciana Littizzetto e Michael Douglas.

© Riproduzione Riservata

Commenti