F1, Gp Cina: anticipazioni, quote, orari e precedenti

Sul circuito di Shangai, Mercedes ancora favorite su Red Bull e Ferrari, alla prima gara con il nuovo d.t. Marco Mattiacci. Maranello incassa un altro no dalla Mercedes per il budget cap

Per la Ferrari, altra prova difficile sulla pista di Shangai – Credits: EPA/VALDRIN XHEMAJ

Dario Pelizzari

-

Due capitomboli a stretto giro di posta. Per il presidente della Ferrari, Luca di Montezemolo, non è affatto un periodo facile. Dopo aver incassato (o proposto, presto o tardi si saprà) le dimissioni di Stefano Domenicali, responsabile secondo alcuni degli ultimi passi a vuoto del Cavallino, il numero uno di Maranello ha ricevuto l'ennesimo rifiuto dalla Red Bull e dalla Mercedes in merito al budget cap. Ha detto Christian Horner, team principal della monoposto della lattina: “Un tetto non avrebbe mai permesso di controllare i costi. Tutte le scuderie sono d'accordo sul volerli ridurre, ma il modo più efficace di farlo è attraverso le regole”. Punto e a capo. Della questione si parlerà ancora il 1° maggio, in occasione del vertice straordinario convocato dalla Fia per capire le ragioni degli uni e degli altri, ma è difficile, meglio, improbabile, che si arrivi a una decisione comune. Nota la posizione di Jean Todt, presidente della Federazione. Lui sta dalla parte delle piccole scuderie e della Ferrari.

Nel frattempo, sulla pista di Shangai va in scena la quarta prova del campionato mondiale. Con la Ferrari incerottata e la Red Bull tutta da perfezionare, è ancora la Mercedes, titolare della macchina più veloce nelle ultime due edizioni del gran premio, la scuderia da battere. Lewis Hamilton ci crede. “L'obiettivo è di vincere e se potessi farlo per tre gare di fila sarebbe fantastico – ha detto in conferenza stampa il campione del mondo 2008 - L'ultima gara in Bahrain è stata fantastica, non solo per non solo la squadra, ma anche per lo sport e sono sicuro che non sarà l'ultima volta che vediamo un grande show di quest'anno. Io mi sento in gran forma, all'interno del team c'è tanta energia positiva e ognuno è concentrato su come ottenere il massimo da queste prime gare e continuare a costruire al di là del buon inizio che abbiamo fatto finora”. E mentre Sebastian Vettel si affida alla filosofia (“non tutto può sempre andare male”), Fernando Alonso distribuisce carezze e verità: “Domenicali ha preso una decisione non facile per il bene del team. Senza di lui non miglioreremo subito. Mattiacci? Ho poco da dirgli, guido solo la macchina”.

I numeri del Gp della Cina

Gara numero 4 di 19

Nome circuito: Shangai International Circuit

Prima gara disputata nel 2004

Numero di giri: 56

Lunghezza del circuito: 5,451 Km

Distanza complessiva: 305,066 Km

Miglior tempo: 1’32”238 – M. Schumacher (2004)

I precedenti

Pole, podi e risultati Ferrari nelle ultime quattro edizioni

2013 – Pole: Hamilton (Mercedes). Podio: 1° Alonso (Ferrari), 2° Raikkonen (Lotus), 3° Hamilton (Mercedes). Giro più veloce: Vettel (Red Bull). Ferrari: 6° Massa.

2012 – Pole: Rosberg (Mercedes). Podio: 1° Rosberg (Mercedes), 2° Button (McLaren), 3° Hamilton (McLaren). Giro più veloce: Kobayashi (Sauber). Ferrari: 8° Alonso, 13° Massa.

2011 – Pole: Vettel (Red Bull). Podio: 1° Hamilton (McLaren), 2° Vettel (Red Bull), 3° Webber (Red Bull). Giro più veloce: Webber (Red Bull). Ferrari: 6° Massa, 7° Alonso.

2010 – Pole: Vettel (Red Bull). Podio: 1° Button (McLaren), 2° Hamilton (McLaren), 3° Rosberg (Mercedes). Giro più veloce: Hamilton (McLaren). Ferrari: 4° Alonso, 9° Massa.

La classifica piloti prima del Gp della Cina
(prime 10 posizioni)

1° Rosberg (Mercedes), 61 punti; 2° Hamilton (Mercedes), 50; 3° Hulkenberg (Force India), 28; 4° Alonso (Ferrari), 26; 5° Button (McLaren) e Vettel (Red Bull), 23; 7° Magnussen (McLaren), 20; 8° Bottas (Williams), 18; 9° Perez (Force India), 16; 10° Ricciardo (Red Bull) e Massa (Williams), 12.

La classifica costruttori prima del Gp della Cina
(prime 5 posizioni)

1° Mercedes, 111 punti; 2° Force India, 44; 3° McLaren, 43; 4° Red Bull, 35; 5° Ferrari, 33.

Le quote bwin

A dispetto della graduatoria, il favorito del bookie bwin per il successo a Shangai è ancora Lewis Hamilton, offerto sia per la qualifica sia per la terza vittoria consecutiva a 1.70. Nico Rosberg cerca “vendetta” dopo il secondo posto del Bahrain; la sua seconda pole vale 2.75 e il gradino più alto del podio 2.50.

Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo su RedBull cercheranno di arginare il dominio Mercedes. Sul circuito cinese il pilota tedesco ha vinto nel 2009 il suo primo GP con la scuderia austro-inglese. Oggi bissare quell’impresa appare più complicato: la vittoria è un obiettivo che schizza a 20.00 e la pole position scende a 15.00. Le quote non sorridono troppo neppure al giovane Ricciardo, a 20.00 per la pole e a 30.00 per il trionfo domenicale.

La Ferrari è in affanno. Oggi il trionfo e la pole position di Fernando Alonso valgono 50.00. Non se la passa meglio il compagno di squadra Kimi Raikkonen; in lavagna bwin, il giro più veloce del finlandese vola a 75.00, il trionfo a Shangai scende a 50.00.

In casa Williams Felipe Massa e Valtteri Bottas viaggiano con le medesime quote: qualifiche e successo made in China a 50.00.

Gli orari tv

Venerdì

Ore 4: prove libere 1, diretta Sky Sport F1 e Rai Sport 2

Ore 8: prove libere 2, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Sabato

Ore 5: prove libere 3, diretta Sky Sport F1 e Rai Sport 2

Ore 8: qualifiche, diretta Sky Sport F1 e Rai 2

Domenica

Ore 9: gara, diretta Sky Sport F1 e Rai 2

Twitter: @dario_pelizzari

© Riproduzione Riservata

Commenti