Calcio

Serie A, rivoluzione tv dal 2018: come cambiano date e orari delle partite

Ci saranno ben 8 finestre per uno spezzatino che valorizza i diritti tv. Si gioca il sabato alle 15 e la sera diventa 20,30 (e non 20,45)

FBL-FRA-LIGUE1-PSG-SAINT-ETIENNE

Giovanni Capuano

-

La Serie A si avvicina alla rivoluzione degli orari del campionato che renderà ancora più lungo il fine settimana degli sportivi italiani. Si parte dal 2018 e si aggiungono nuove finestre per le partite della massima competizione, arrivando sino alla possibilità di giocare in ben 8 giorni e orari differenti all'interno della stessa giornata.

E' il piano della Lega di Serie A nel bando pubblicato per cercare di ottimizzare i profitti dei diritti tv interni ed esteri. Grande attenzione ai desideri delle tv nostrane, ma un occhio sempre più attento anche al mercato estero, soprattutto asiatico, dove si spera di incrementare i ricavi da suddividere tra i venti club.

 

Gli orari della Serie A dal 2018 al 2021

La differenza più importante rispetto alle abitudini attuali è l'inserimento dello slot delle ore 15 del sabato per il primo anticipo della giornata. Non si giocherà al venerdì, se non per esigenze legate agli impegni delle squadre che disputano le coppe europee, ma si comincerà prima andando in competizione con il sabato della Premier League e cercando di trovare nuovi mercati in Cina e dintorni.

Viene inserita una partita la domenica alle 18 per fare da cuscinetto tra quelle del pomeriggio (sempre meno) e il piatto forte della prima serata. Cambia anche l'orario serale: dalle 20,45 alle 20,30. Lo slot sarà attivo anche il lunedì sera per una sorta di Monday Night della Serie A a imitazione di quanto accade in Inghilterra. Ecco tutte le finestre orarie e quante gare verranno programmate per ogni singolo slot:

Sabato ore 15 - Una gara

Sabato ore 18 - Una gara

Sabato ore 20,30 - Una gara

Domenica ore 12,30 - Una gara

Domenica ore 15 - Tre gare

Domenica ore 18 - Una gara

Domenica ore 20,30 - Una gara

Lunedì ore 20,30 - Una gara

Le finestre del sabato ore 15 e ore 18 possono essere sostituite da una o due partite (mai in contemporanea) il venerdì sera. Novità anche nei turni infrasettimanali che vedranno raddoppiare le finestre possibili per venire incontro alle richieste delle tv che acquistano i diritti. Le gare del martedì e del giovedì alle ore 19 sono una possibilità che può essere esercitata alternativamente. Ecco lo schema che verrà applicato:

Martedì ore 21 - Una gara

Mercoledì ore 19 - Una gara

Mercoledì ore 21 - Sei gare

Giovedì ore 19 - Una gara

Giovedì ore 21 - Una gara

Le giornate in programma d'estate (giugno ed agosto) avranno uno svolgimento differente:

Sabato ore 18

Sabato ore 20,30

Domenica ore 18

Domenica ore 20,30

Le partite dell'ultima giornata di ciascun campionato si disputeranno in contemporanea alle ore 20,30 della domenica.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il Napoli alla guerra contro la Rai: ecco chi produce le partite di calcio

La regia della Lega, i service scelti dai club e tutto quello che c'è da sapere sulle polemiche per Juve-Napoli di Coppa Italia

Inter-Milan, derby a pranzo per la Cina: la serie A entra nel futuro

Anche il nostro campionato si uniforma in attesa di vendere (meglio) i diritti tv in Asia. Anche se ai tifosi può non piacere...

Milan-Inter 2-2: il derby visto e vissuto dalla cabina di regia Tv

Siamo stati ospiti nelle sale di produzione della Lega Serie A: ecco come funziona una diretta. Con pochi replay, ma non per censura

Commenti