Calcio

Gabor Kiraly, portiere dell'Ungheria e più vecchio di sempre agli Europei

40 anni, contro l'Austria ha stabilito il nuovo record d'età del torneo continentale. Senza rinunciare al suo "pigiama"

FBL-EURO-HUN-2016-KIRALY

Giovanni Capuano

-

Scendendo in campo contro l'Austria, Gabor Kiraly stabilisce un promato difficilmente battibile. E' il primo giocatore di 40 anni a mettere in piede sul prato in una partita della fase finale dell'Europeo, superando il primato precedente di Lothar Matthaus, una leggenda del calcio tedesco.

Nato a Szombathely il 1° aprile 1976 - stesso anno di Ronaldo il Fenomeno per intenderci - Kiraly ha attraversato con le sue parate almeno tre generazioni di calcio. Ha giocato in Premier League e Bundesliga e adesso è tornato a casa sua per chiudere la carriera, togliendosi però la soddisfazione di volare in Francia con l'Ungheria.

 

Ma Kiraly è noto non solo per il record di longevità all'Europeo. A colpire sono i pantaloni grigi della tuta con cui scende regolarmente in campo dal 1996: look orrendo nel calcio del Duemila fatto soprattutto di immagine, ma funzionale al suo modo di stare in porta.

I calzettoni arrotolati sopra la caviglia (e sopra la tuta), il fisico un po' così: Kiraly è l'esatto contrario del top player patinato di oggi. Per milioni di tifosi che hanno seguito la sua traiettoria è il "portiere che gioca in pigiama". non è vero, ovviamente, ma a lui non disturba che si pensi così.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Euro 2016, grande Italia e Belgio ko per 2-0: il capolavoro di Conte

Debutto vincente degli azzurri contro i più forti del girone. Il trionfo del ct e della sua nazionale operaia trascinata da Giaccherini...

Violenze Euro 2016: 3 hooligans russi condannati in Francia, altri 20 espulsi

Tra i rimpatriati anche Aleksandr Shprighin, noto ultras della Dinamo Mosca e... membro del Comitato per i Mondiali 2018

Euro 2016: le foto più belle

Dalla cerimonia di apertura alla finale tra Portogallo e Francia: un viaggio per immagini negli Europei di calcio, tra partite e "febbre del calcio"

Commenti