Italia-Olanda: i precedenti

Dalla prima amichevole del 1920 passando per la storica semifinale ad Amsterdam degli Europei 2000 fino all'esordio da ct di Antonio Conte

29 giugno 2000: Francesco Toldo para cinque rigori agli olandesi nella semifinale europea ad Amsterdam. – Credits: Getty Images.

Paolo Corio

-

Quella di questa sera a Bari sarà la 13ma amichevole della storia tra Italia e Olanda e la 19ma sfida in assoluto. Era il 13 maggio 1920 quando gli azzurri incontrarono per la prima volta gli arancioni a Genova: 1-1 con goal di Sardi, con nuovo pareggio per 2-2 il maggio dell'anno successivo. Poi, al terzo "amichevole" appuntamento, ecco qualche anno dopo - il 2 dicembre 1928 - il primo successo azzurro a San Siro: 3-2 con doppietta di Julio Libonatti e rigore di Adolfo Baloncieri.

Bisogna invece arrivare al 20 novembre 1974 per il primo match ufficiale, valevole per la qualificazione al Campionato europeo: a Rotterdam, nello stadio del Feyenoord, l'Italia non ha scampo contro l'Olanda del calcio totale capitanata da Johan Cruyff, anche se un goal al 5° minuto di Roberto Boninsegna illude momentaneamente i tifosi italiani. Al ritorno nel novembre 1975 ancora a San Siro, e con l'Olanda ormai qualificata e attenta solo alla differenza reti, gli azzurri vinceranno invece per 1-0 (rete di Fabio Capello) sfruttando una delle poche occasioni concesse dalla celebre "melina" degli allora vice-campioni del Mondo, fatta di una rete di passaggi per il campo con pronto ritorno al punto di partenza, ovvero alle braccia del portiere Schrijvers. Ai Mondiali di Argentina '78 arriva poi il primo scontro in campo neutro, a Buenos Aires, nella seconda fase a gruppi: 2-1 per gli arancioni, che andranno poi a perdere in finale contro i padroni di casa, mentre gli azzurri (secondi nel girone) verranno sconfitti dal Brasile nella finale per il 3° e 4° posto.

E' però quella del 29 giugno 2000 la data storica per il nostro calcio nelle sfide contro gli olandesi: semifinale degli Europei ad Amsterdam, con gli azzurri costretti a giocare in dieci dal 34° per espulsione di Gianluca Zambrotta e Francesco Toldo nei panni dell'eroe nazionale. Prima il portiere azzurro para due rigori ai padroni di casa nei tempi regolamentari salvando lo 0-0, quindi - dopo due supplementari di strenua difesa italiana - neutralizza altri tre tiri dal dischetto nella serie che regala ai nostri l'approdo in finale (poi persa con la Francia ai supplementari, con golden goal di Trezeguet).

Per gli "orange" rivincita senza appello agli Europei 2008 in Svizzera: 3-0 secco a Berna nella fase a gironi, con entrambe le squadre che saranno poi eliminate nei quarti (dalla Russia gli olandesi, dalla Spagna futura vincitrice gli azzurri). Dopo di che altre due amichevoli (uno scialbo 0-0 nel 2009 a Pescara, seguito da 1-1 nel 2013 ad Amsterdam) prima di quella di questa sera. Che al di là del risultato entrerà negli annali perché la prima da ct di Antonio Conte.

29 giugno 2000: la magica partita di Francesco Toldo

© Riproduzione Riservata

Commenti