Giovanni Capuano

-

Un gigante vuoto, freddo e spettrale. Così si è presentato San Siro chiuso per razzismo in occasione di Inter-Benevento, la prima delle due partite con lo stadio sbarrato dopo i fatti del 26 dicembre e la punizione decisa dal Giudice sportivo nei confronti del club nerazzurro che ha scelto di non fare ricorso.

"Così non è calcio" ha detto il tecnico nerazzurro Spalletti al termine della sfida di Coppa Italia, conclusa con la larga vittoria per 6-2. E' stata quasi una partita amichevole, con le urla di giocatori e allenatori percepibili sugli spalti per i circa 500 ammessi per regolamento (giornalisti e ospiti dei due club). E' questa la soluzione? Punire tutti per colpa di pochi?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Violenza e razzismo negli stadi: come saranno le nuove norme

Niente chiusura e divieti, celle di sicurezza, pene personali e no all'anno sospensione delle gare: così Salvini vuole bonificare il calcio italiano

Fermare le partite per razzismo: ecco chi decide e come funziona la norma

E' il responsabile dell'ordine pubblico e non l'arbitro a stabilire se sospendere o no. Cosa dice l'articolo 62 delle regole Figc

Norme anti-violenza negli stadi: quello che Salvini ignora

Nel pacchetto del Viminale anche provvedimenti già esistenti. Il decalogo della Figc e i vincoli di Uefa e Fifa

Cori antisemiti e razzisti: la grande occasione della Lazio

Hanno cantato in pochi e sono stati identificati? Il club li può espellere con il Codice Etico dando un segnale. Il rischio emulazione

Commenti