I cinque motivi per cui Josè Mourinho crede nella rimonta

Il Real Madrid prova a recuperare il 4-1 rimediato a Dortmund contro il Borussia. Una missione impossibile per trovare la finale di Wembley

Josè Mourinho (Ansa)

Matteo Politanò

-

L'impresa impossibile, quella che tutti sognano ma difficilmente si potrà realizzare. Come si dice a Madrid e a Barcellona "il successo o il fallimento di una stagione si costruisce anche sugli insuccessi dei rivali". Ecco perché la possibile eliminazione del Real Madrid contro il Borussia Dortmund interessa da vicino anche i catalani. Dopo il 4-1 di Dortmund questa sera il Bernabeu sarà tutto esaurito per assistere alla missione impossibile di Josè Mourinho, probabilmente arrivato all'ultima partita della sua avventura merengues. Il tecnico portoghese è sempre più vicino al Chelsea, pronto a lasciare la panchina madridista a Carlo Ancelotti. Prima di andare via il portoghese tenterà però l'ultima prodezza, una rimonta nella quale credono in tanti, bookmakers compresi. Ecco i cinque motivi per cui Josè ci crede ancora:

1) La sfida Real Madrid - Borussia Dortmund non sarà orfana del miglior realizzatore della Champions League 2012-13. Dopo i dubbi sulla sua presenza Cristiano Ronaldo ha partecipato alla sessione di allenamento del Real insieme ai suoi compagni di squadra effettuando il riscaldamento e gli esercizi con il pallone. La convalescenza per un infortunio muscolare alla coscia sinistra continua ma CR7 sarà al suo posto in campo.

2) Segnare subito. Josè Mourinho lo ha ripetuto più volte durante la settimana. Partire in quarta per schiacciare il Borussia nella propria area cercando il gol nei primi dieci minuti. Con la spinta di uno stadio pieno e suggestivo i calciatori tedeschi potrebbero pagare la poca esperienza europea nei palcoscenici che contano. Un gol subito potrebbe cambiare la partita e rendere la missione impossibile semplicemente una missione difficile.

3) La psicologia di Josè è un fattore determinante. Uno dei migliori motivatori nella storia del calcio ha iniziato già dal fischio finale di Dortmund la sua opera di recupero degli stimoli. "Se giochiamo come sappiamo allora possiamo fare qualsiasi cosa". L'aura dello Special One può essere una carta in più per il Real.

4) Nonostante gli scommettitori siano per lo più certi del passaggio del Borussia Dortmund (quotato a 1,18) sono in tanti ad azzardare il passaggio del turno del Real Madrid che, nonostante il 4-1 in Germania, mantiene una buona quota a 5,25. Un motivo in più per credere nella rimonta è anche la fiducia attorno alle merengues: il 75% degli scommettitori azzarda infatti un passaggio del turno per gli uomini di Mourinho.

5) Nonostante l'enorme vantaggio raccolto all'andata il Borussia Dortmund di Jurgen Klopp non ama snaturare il proprio gioco e la propria attitudine offensiva. Per questo è difficile ipotizzare una partita all'italiana con la squadra trincerata dietro la metà campo in attesa delle ripartenze. Se il Borussia dovesse giocare a viso aperto il match potrebbe lasciare spazi aperti per gli avanti del Real Madrid e i gol potrebbero essere diversi.

© Riproduzione Riservata

Commenti