DOSSIER - La stagione nera degli assistenti: già 20 partite condizionate

Fuorigioco sbagliati di metri ed errori veniali: sempre più difficile il lavoro con la bandierina. E Platini studia la moviola per aiutarli...

Il fermo immagine Sky con la posizione di fuorigioco di El Shaarawy – Credits: Ansa

Giovanni Capuano

-

Quello di Catania è stato solo l'ultimo di una lunga serie di errori degli assistenti di linea nella prima fase del campionato. Secondo il dossier che pubblica Panorama.it sono almeno 20 le gare delle prime 14 giornate della serie A condizionate da errori sul fuorigioco: più di una a turno.

Un vero e proprio disastro che conferma come quello dell'uomo che ha la bandierina in mano stia diventando il lavoro più difficile del mondo, quasi ai limiti delle possibilità del campo visivo di una persona che deve tenere d'occhio contemporaneamente pallone, giocatori e ragionare sul possibile sviluppo dell'azione. Anche per questo Platini ha aperto all'uso della tecnologia solo nel caso del fuorigioco. Ecco il dossier degli errori degli assistenti di linea nelle prime 15 giornate. Tanti. Troppi:

1° GIORNATA - Nella gara d'esordio Juventus-Parma non viene segnalato un fuorigioco netto di Lichtsteiner che poi viene steso da Mirante con calcio di rigore per i bianconeri. Addirittura disastrosa la direzione di gara di Roma-Catania (2-2): netto offside di Almiron al momento del pareggio catanese dell'1-1, Osvaldo fermato mentre è lanciato a rete tutto solo in posizione regolare e dubbi fortissimi sul 2-1 del Catania che andava probabilmente annullato.

2° GIORNATA - In Torino-Pescara (3-0) era da annullare il raddoppio granata per posizione irregolare di Sgrigna autore dell'assist per Brighi.

3° GIORNATA - Nel corso di Roma-Bologna (2-3) è in fuorigioco Destro mentre realizza la rete del vantaggio giallorosso. Clamoroso l'errore in Palermo-Cagliari (1-1) con rete di Donati annullata mentre il giocatore era invece ampiamente in linea al momento del colpo di testa vincente.

5° GIORNATA - E' in fuorigioco Pereira nel momento in cui realizza la rete del vantaggio nerazzurro in Chievo-Inter (0-2).

6° GIORNATA - Non c'era offside nell'azione del gol annullato ad Almiron in Bologna-Catania (4-0).

7° GIORNATA - E' grave la svista dell'assistente Vuoto che fa annullare un rete regolarissima di Denis tenuto in gioco da Piris per oltre due metri in Roma-Atalanta (2-0). Regolare anche il pareggio annullato a Bianchi in Torino-Cagliari (0-1).

9° GIORNATA - La partita Catania-Juventus (0-1) è totalmente condizionata dagli errori di Maggiani che cancella una rete regolare di Bergessio per offside inesistente e dopo le proteste juventine, scatenando la reazione di Pulvirenti, e concede la rete vittoria di Vidal malgrado un fuorigioco di Bendtner. In Fiorentina-Lazio (2-0) era da annullare il vantaggio viola perché Jovetic è davanti al portiere in fuorigioco attivo e non passivo, mentre nella ripresa non viene concessa una rete regolarissima a Mauri che invece era tenuto in gioco di due metri da Cuadrado. Polemiche anche in Roma-Udinese (2-3) per l'offside di Di Natale in avvio dell'azione del secondo gol. Chiude la giornata Milan-Genoa (1-0) con netta posizione irregolare di Abate quando sta per servire ad El Shaarawy l'assist decisivo.

10° GIORNATA - Era in offside Nagatomo in partenza dell'azione del gol del 3-1 in Inter-Sampdoria (3-2). Il gioco prosegue per qualche secondo ma andava fermato.

11° GIORNATA - Regolare il gol annullato a Denis per una segnalazione errata. Era dietro la linea del pallone al momento del traversone in Sampdoria-Atalanta (1-2). Il fotogramma del fuorigioco di Asamoah nell'azione del vantaggio bianconero in Juventus-Inter (1-3) fa parte della storia di questa stagione. L'assistente Preti fa sbagliare Tagliavento e non lo aiuta nemmeno in occasione della mancata espulsione di Lichtsteiner con fallo che avviene proprio sotto i suoi occhi.

12° GIORNATA - In Chievo-Udinese (2-2) segnalato un fuorigioco che non c'è di Lazzari.

13° GIORNATA - Era da annullare per una netta posizione di offside la rete del pareggio atalantino in Fiorentina-Atalanta (4-1). Errore grave e fortunatamente ininfluente.

14° GIORNATA - I bergamaschi sono danneggianti invece in Atalanta-Genoa (0-1) anche per una rete cancellata a Maxi Moralez su errore dell'assistente di destra.

15° GIORNATA - Siamo di nuovo al Massimino con l'errore da matita blu di Rosi che non vede la netta posizione di offside di El Shaarawy al momento del pareggio rossonero in Catania-Milan (1-3). Errore gravissimo perché nato dalla posizione sbagliata, indietro di un paio di metri rispetto alla linea dell'ultimo difensore. Non lo aiuta nemmeno il giudice di porta che non segnala il tocco di Robinho.

Seguimi anche su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti