Giovanni Capuano

-

La Croazia ottiene una storica qualificazione alla finale del Mondiale di Russia 2018 e nelle città croate la festa di scatena nel corso della notte. Un momento indimenticabile per la giovane nazione indipendente dall'inizio degli anni Novanta. La Croazia aveva raggiunto il punto più alto della sua parabola calcistica nel Mondiale di Francia '98 quando era arrivata alla semifinale prima di essere sconfitta proprio dai padroni di casa (vantaggio di Suker e doppietta di Thuram).

A Mosca la finale sarà contro la Francia di Deschamps e dei giovani talenti transalpini. Appuntamento domenica 15 luglio ore 17 allo stadio Luzhniki.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Russia 2018, il Mondiale vinto dall'Africa (che però è tornata indietro agli anni '80)

Le squadre del Continente Nero fuori subito (non accadeva dal 1982) ma Belgio e Francia sono piene di africani. Il caso della nazionale del Congo

Russia 2018: le foto più belle (e significative) del Mondiale

Putin e lo sceicco, le donne iraniane, Messi solo, i tifosi del Senegal e la sicurezza intorno agli stadi: le immagini che hanno fatto il giro del mondo

Russia 2018, la caduta delle grandi (e perché l'Italia avrebbe fatto bella figura)

Condizione fisica, logorio della stagione, pressioni per il pronostico e ricambio generazionale. Ma c'è anche un calcio che si sta modificando

Commenti