Giovanni Capuano

-

Corea del Nord contro Corea del Sud, in una sfida valida per le qualificazioni al Mondiale del 2022 e alla presenza del presidente della Fifa, Infantino. Unico spettatore di una partita storica, giocata per la seconda volta nella capitale del Nord Pyongyang ma senza pubblico per ordine del leader coreano che ha voluto evitare una possibile figuraccia in caso di sconfitta.

La gara è terminata con un pareggio per 0-0 che lascia aperte per entrambe le squadre le porte del sogno mondiale. Si è trattato del secondo incrocio in terra nordcoreana dopo l'unico precedente risalente a un'amichevole nel 1990. Tutte le altre volte era stato scelto un campo neutro e neautrale perchè era stato impossibile garantire l'accesso alla Corea del Nord che, formalmente, è ancora in stato di guerra con quella del Sud.

Anche la logistica per i calciatori sudcoreani è stata complicata, perché per arrivare a Pyongyan non hanno avuto il permesso di superare il confine tra i due stati  al 38° parallelo, ma sono dovuti transitare per la Cina, ottenere il visto e da lì volare sulla capitale.

Le poche immagini disponibili del match sono state scattate da alcuni membri dello staff della Corea del Sud.

© Riproduzione Riservata

Commenti