Basket

Nba: un tweet di LeBron James? Vale 165 mila dollari

Il prezzo per un cinguettio della stella dei Cleveland Cavaliers è 5 volte superiore a quello di uno spot televisivo

lebron-james-tweet

Teobaldo Semoli

-

Se siete proprietari di un’azienda o di un marchio e state pensando di pubblicizzarli a livello globale allora comprare un tweet di LeBron James potrebbe fare al caso vostro. Piccolo dettaglio: servono soldi, e anche tanti. Il valore di un cinguettio di ‘endorsement’ sull’account del Prescelto si aggirerebbe infatti intorno ai 165 mila dollari. Circa 1.000 euro per ognuno dei 140 caratteri consentiti dal social network. Cinque volte il valore di una pubblicità sulla tv nazionale (e potremmo continuare..).


Un recente tweet di endorsement di James in favore di Nike

Una cifra che, secondo Open Dorse – l'azienda americana è specializzata nella creazione di campagne di endorsement con personaggi del mondo dello sport –, sarebbe giustificata non solo dai 28,3 milioni di follower del Twitter account di LeBron ma anche dal loro (elevatissimo) livello di engagement rispetto all’atleta e dall’impatto culturale di quest’ultimo sui suoi seguaci.

Dietro al ‘Re’ ci sono Kevin Durant (75.665 dollari) e Kobe Bryant (50.878), anche loro in crescita nella classifica dei tweet pubblicitari più costosi tra i giocatori Nba – ci sarebbero anche Dwight Howard (34.290), Dwyane Wade (28.276) e Chris Paul (25.430), ma i dati risalgono ad agosto 2015 e sono, presumibilmente, già cresciuti –.

Tweet Nba

Eppure le più grosse aziende a livello planetario non stanno ancora pagando i cinguetti dei giocatori Nba per il loro valore effettivo: il prezziario al momento varia dai 1.000 ai 2.500 dollari a tweet, con un massimo di 25 mila raggiunto da un endorsement durante l’ultimo Super Bowl. E se il numero e valore dei follower di LeBron e soci pare essere in continua crescita resta solo da capire quanto ci metteranno ad accorgersente i giocatori, al momento terribilmente ‘sottopagati’ (…).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nba, il declino di Bargnani: da prima scelta a 'taglio' dei Nets

Ripercorriamo la carriera americana del Mago, pezzo pregiato al suo arrivo negli States e oggi tagliato da Brooklyn

Commenti