Basket

Nba: 39 di LeBron, Cleveland batte Golden State in gara 2

Trascinati dalla tripla doppia di James i Cavs vincono (95-93) e pareggiano la serie con i Warriors, traditi dall'Mvp Curry

2015 NBA Finals - Game Two

Teobaldo Semoli

-

Avevamo detto che 40 punti a partita di James non potevano bastare a Cleveland per battere i Warriors, oggi la "squadra" – e lo è ancora, anche dopo gara 2 – più forte della Nba. Ma i campioni sono tali proprio perché capaci di smentire previsioni e pronostici...

Nel secondo atto delle Finals LeBron sfodera una tripla doppia da 39 punti, 16 rimbalzi e 11 assist trascinando Cleveland alla vittoria in overtime (95-93) contro Golden State e pareggiando una serie che dopo la prima partita, e l'infortunio di Kyrie Irving, sembrava già ben indirizzata – chiedere ai bookmakers, che pagavano una vittoria dei Warriors 1.16 contro il 4.90 dei Cavs – verso la squadra della baia.

Gli Highlights di gara 2 tra Golden State e Cleveland


Dicevamo che ai Cavs sarebbe servito qualcosa in più dal supporting cast, di nuovo sotto la sufficienza in fatto di realizzazioni – solo Mozgov, con 17 punti, e J.R. Smith, con 13, in doppia cifra – ma capace questa volta di tenere i Warriors sotto i 100 punti e di realizzare tutte le giocate di energia decisive del quarto periodo. Come il rimbalzo in attacco, a 10 secondi dalla fine, di Matt Dellavedova, straordinario nel subire fallo e riportare avanti Cleveland 94-93. 

Dall'altra parte Golden State è incappata nella serata negativa dei suoi esterni – escluso Klay Thompson, autore di 34 punti –, ma soprattuto di Steph Curry, che segna il layup del pareggio a 7 secondi dalla fine ma che chiude gara 2 con 19 punti e un insolito 2 su 15 da tre punti (5 su 23 dal campo). "Non c'è una spiegazione nella mia meccanica di tiro per questa prestazione – ha dichiarato l'Mvp a fine partita – semplicemente non sono mai riuscito a trovare il mio solito ritmo...". Quello che i Cavs stati bravi a togliere ai Warriors, impostando da subito una partita fisica, fatta di cuore e difesa, vincendo la battaglia a rimbalzo (55 a 45) e forzando 18 palle perse

Ora la serie si sposta a Cleveland per tre partite consecutive, come da tradizione nelle Finals, con Golden State che dovrà ritrovare le sue bocche da fuoco e forse iniziare a pensare di fare qualcosa in più per fermare LeBron, in grado finora – e forse come mai nella sua carriera – di portare davvero sulle spalle il peso di una squadra e di una città intera. 

© Riproduzione Riservata

Commenti