Altri sport

Germania, tolleranza zero: il carcere per chi fa uso di doping

L'idea choc del governo tedesco. Fino a 3 anni di reclusione agli atleti positivi ai controlli

germania-doping-carcere

Teobaldo Semoli

-

In Germania fare uso di sostanze dopanti potrebbe costare non solo una squalifica sportiva ma fino a 3 anni di carcere. Il governo tedesco prova a dare una sterzata definitiva nella lotta al doping con un progetto di legge che mira a punire severamente – non solo con sanzioni sportive – gli atleti positivi ai controlli.

Le pene previste dal documento – ideato dal Ministero della Giustizia e degli Interni – vanno dai due anni di reclusione per gli atleti trovati in possesso di sostanze illecite fino a un massimo di tre anni per chi non dovesse superare i controlli dell'antidoping. Il progetto prevede anche una serie di multe da comminare anche solo per il "sospetto" rispetto all'uso di sostenze proibite.

L'idea del governo tedesco sembra aver spaventato, e non poco, i 7000 atleti iscritti alla lista della NDA (l'agenzia antidoping tedesca) ma i vertici della Federatletica teutonica si sono schierati a favore dell'iniziativa: "Se la legge entrerà in vigore sarebbe un grosso passo avanti sia per lo sport che per i nostri atleti"- ha dichiarato il presidente della Federazione Clemens Prokop–. Ora si attende la risposta del Comitato olimpico tedesco, che per il momento non si è ancora pronuniciato sulla questione, ma in Germania la strada verso la tolleranza zero nei confronti degli atleti dopati sembra già essere tracciata. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

ESCLUSIVO - Donati: "Microdosi, Gh e gonadoreline: ecco come il ciclismo aggira i controlli antidoping"

Il consulente Wada sulla cronosquadre da record: "Prestazioni truccate dal doping. Mai rotto veramente col passato, servono organismi indipendenti"

Donati: “Il doping nel rugby? C'è e si vede”

Il documentario-denuncia di France 2 non sorprende il consulente Wada: "I casi di Sla tra i sudafricani vincitori del Mondiale '95 collegabili all'uso di sostanze illecite"

Positivo al doping il cavallo della regina

Il vincitore della Gold Cup a Royal Ascot del 2013 avrebbe assunto morfina. L'animale da parte della scuderia di Elisabetta II 

Commenti