I 5 consigli di vita di Ian McKellen

Le cose da fare per essere un uomo felice: parola del grande attore che interpreta Gandalf

ian-mckellen-5-consigli

– Credits: Stuart Wilson/Getty Images

Davide Decaroli

-

Il 12 dicembre uscirà nei cinema Lo Hobbit – La desolazione di Smaug, secondo capitolo della trilogia ispirata al romanzo fantasy di J. R. R. Tolkien. Tra i protagonisti non manca ovviamente Ian McKellen, confermatissimo nei panni del sapiente mago Gandalf.

Intervistato dal magazine Men's Journal, McKellen, 74 anni compiuti lo scorso 25 maggio, ha evidenziato come il ruolo di vecchio saggio appiccicatogli addosso da Peter Jackson gli calzi ormai a pennello anche una volta dismessi i costumi di scena. Tra una chiacchiera e l'altra, infatti, l'attore ha dispensato alcuni preziosi consigli che qualunque uomo dovrebbe seguire per migliorare la propria vita.

Affrontare i rimpianti
"Come in 'Aspettando Godot', attendi che la tua vita migliori, ma spesso ciò che è fatto è fatto". Morale: "Bisogna guardare avanti, non c'è altra scelta. Non puoi cambiare il passato, ma puoi scegliere il tuo futuro".

Gestire le critiche
Siamo sempre sotto esame, e questo McKellen lo sa bene: "Un attore passa tutta la vita a essere giudicato". Girare la testa dall'altra parte, però, non è sufficiente: "Non bisogna provare risentimento, qualunque sia il motivo della critica. Non sempre riceviamo buoni consigli, ma non si sa mai: se ascoltiamo gli altri può comunque uscirne qualcosa di buono".

Trovare la propria vocazione
Sono in molti a ritenere che con il tempo qualunque lavoro diventi noioso. Ma per McKellen "se riesci a portare avanti quello che ti piace, come ho fatto io con la recitazione, devi ritenerti fortunato". L'importante è fare sempre "quello che pensi sia meglio per te, e non quello che ti dicono gli altri".

Alleviare il dolore
Per i dispiaceri dell'anima il rimedio più efficace è "farsi una bella dormita". Quando il cuore soffre è necessario tenere duro, lasciando che il tempo curi le ferite. Le chiavi per una perfetta guarigione sono "affrontare il dolore e non dimenticare, ma soprattutto non incolpare nessuno".

Imparare da Shakespeare
Da grande attore di teatro quale è, per Mckellen c'è un'opera di Shakespeare che ogni uomo dovrebbe vedere almeno una volta nella vita: Macbeth. "Mi ha insegnato che gli uomini comuni sono tutti in grado di azioni terribili". Per cui: "Ricordate di trattare le persone come esseri umani. Sì, gli altri sono imperfetti, ma lo siamo tutti".

© Riproduzione Riservata

Commenti