Cameron Diaz: "La fedeltà non esiste". Quattro consigli per dimenticare "le corna"

I tradimenti dei vip e non: come uscirne senza troppi "dolori"

Cameron Diaz: per l'attrice la fedeltà non esiste – Credits: Getty Images

Eleonora Lorusso

-

C'è chi studia vendette da gustarsi "a freddo" e chi invece proprio non riesce a dimenticare il partner fedifrago. C'è poi chi mette in guardia le altre donne dai "vizietti" degli ex, come Demi Moore che ha pensato bene di avvertire Mila Kunis della propensione al tradimento del suo ex, Ashton Kutcher, nonché (forse) futuro sposo proprio della Kunis . E c'è anche chi alla fedeltà proprio non crede, come Cameron Diaz che, in occasione dell'uscita del nuovo film, The Other Woman, in cui interpreta una donna assetata di vendetta nei confronti del suo ex (fedifrago), ha chiaramente detto: "Nessuno è fedele. Siamo esseri umani, siamo complessi, non possiamo vivere senza graffi, è impossibile. I tradimenti possono accadere, bisogna esserne consapevoli e andare avanti".  

Diciamolo: le corna non conoscono confini tra vip e very normal people, tra star del cinema e casalinghe di Voghera. In molti (si spera non tutti) nella vita hanno dovuto fare i conti almeno una volta con un tradimento e i suoi strascichi più o meno dolorosi. Le corna non hanno risparmiato neppure i potenti della terra, dalla famiglia Clinton alle prese con lo scandalo Lewinsky, a Francois Hollande, "beccato" mentre andava ai suoi incontri (clandestini) in motorino con la sua amante, l'attrice Julie Gayet. Che dire poi di Carlo e Lady Diana, alle prese sempre con un terzo incomodo (e forse più di uno) o delle voci di tradimento sulla principessa Charléne e Alberto di Monaco . E sono decine anche le storie nate sulle ceneri di tradimenti, come quella tra Belén e Stefano Di Martino, ex di Emma .

Ma, allora, come uscirne? Come superare un dolore che può essere tanto profondo? A dare qualche consiglio ci ha pensato il sito Global Post, che ha fornito una serie di suggerimenti per lasciarli alle spalle storie fallite a causa delle "corna". Eccoli:

1) Non colpevolizzarsi: se il partner ha tradito, probabilmente la causa era un problema nel comunicare un disagio o un bisogno. Non bisogna dunque autocolpevolizzarsi, anche perché spesso l'infedeltà colpisce anche le persone più affascinanti o famose.

2) Guardare l'aspetto positivo della faccenda: scoprire di essere stati traditi può rappresentare una buona occasione per guardarsi dentro e capire quali aspetti del proprio carattere possono essere migliorati, quali angoli possono essere smussati o, al contrario, quali pregi devono essere rivalutati.

3) Viziarsi un po': dopo una prima fase fisiologica di rabbia e rancore nei confronti di chi ha tradito, è bene voltare pagina e dedicarsi soltanto a se stessi, magari concedendosi qualche vizio, coccola o un po' di shopping therapy.

4) Stare in compagnia: è assolutamente inutile rifugiarsi in qualche luogo isolato e solitario, facendo gli eremiti, nella speranza di dimenticare. Si finirebbe solo per crogiolarsi nel dolore e nella tristezza. Meglio frequentare persone fidate, amici o parenti, che possono trasformarsi in una sorta di "gruppo di supporto", con consigli o semplicemente condividendo un po' di svago.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965