Il sesso occasionale non aiuta il piacere (femminile)
Thinkstock.it
Il sesso occasionale non aiuta il piacere (femminile)
Società

Il sesso occasionale non aiuta il piacere (femminile)

Una ricerca dell'Università di Harvard conferma ciò che le donne sanno da sempre: per lasciarsi andare ci vuole tempo e fiducia

Può essere divertente per una donna capitolare tra le braccia di uno sconosciuto e lasciarsi andare ad una notte di sesso furioso. Peccato che la buona parte delle signore in questione in quell'unica notte non raggiungeranno l'orgasmo.

Per una donna, infatti, l'orgasmo è tanto più probabile quanto più c'è conoscenza con il partner. A confermare quello che bene o male tutte le ragazze sanno ci ha pensato una ricerca dell'Università di Harvard. La dottoressa Justin Lehmiller, numeri alla mano, ha messo le percentuali al rapporto tra donne e sesso asserendo che se per un uomo l'orgasmo è fisico e meccanico per le donne è soprattutto mentale.

In questo senso, per soddisfare anima e corpo, è necessario avere una buona intesa e conoscenza con la persona con la quale ci si trova. Aumentare il relax e poter "guidare" l'uomo alla ricerca di quel Santo Gral che pare essere il piacere femminile, permettere di raggiungere orgasmi più intensi ed appaganti. I dati, del resto parlano chiaro: soltanto l'11% delle donne prova piacere durante il primo rapporto sessuale con un uomo appena incontrato, il 16% al secondo o terzo appuntamento, il 34% dopo cinque o sei serate passate insieme, il 67% dopo sei mesi.

In caso di primo incontro la percentuale della soddisfazione  aumenta (al 45%) se si ha la consapevolezza di non trovarsi davanti ad uno sconosciuto che scomparirà alle prime luci dell'alba, ma ad un uomo con il quale tentare di iniziare un rapporto

Voglia di scoprirsi e passione permettono alle ragazze di godere di una vita sessuale più intensa ed appagante e non è vero che, col tempo, sotto alle lenzuola la calma diventa piatta, anzi; per le donne è l'esatto contrario.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti