Pinocchio in versione "hard" contro l'Hiv
Aides.org
Pinocchio in versione "hard" contro l'Hiv
Società

Pinocchio in versione "hard" contro l'Hiv

Il burattino nato dalla penna di Collodi protagonista di uno spot di sensibilizzazione contro l'Aids

Non bastava la Gioconda di Leonardo da Vinci calva , della campagna contro i tumori. Ora per sensibilizzare i giovani ad adottare tutte le precauzioni del caso contro la trasmissione del virus dell'Hiv si è scomodato persino Pinocchio. Non però il "vecchio" burattino affascinato dal paese dei balocchi. Nell'era 2.0 anche il burattino bugiardo è cambiato: è cresciuto, va in discoteca, ma soprattutto ha una gran voglia di fare sesso con una ragazza conosciuta nel locale. Del pezzo di legno modellato da Geppetto, però, mantiene il vizietto di dire bugie e così, quando la giovane gli chiede se abbia il preservativo, lui risponde sicuro: "No, ma è tutto ok, non preoccuparti".

E invece da preoccuparsi c'è, eccome, tanto che il naso di Pinocchio inizia ad allungarsi, proprio come nella favola. Ad ideare l'originale spot è stata la Aides , associazione che in Francia si batte da anni per sensibilizzare giovani e meno giovani sull'Hiv, le epatiti virali e tutte le precauzioni da adottare per evitarne la trasmissione. Il filmato si conclude con cuna morale, proprio come in ogni favola che si rispetti, con una voce narrante che spiega: "A volte puoi dire delle bugie senza nemmeno saperlo".

La scopo dell'associazione è infatti quello di spinge quanta più gente possibile a sottoporsi al test sull'Hiv, per accertare l'eventuale positività, troppo spesso sconosciuta agli stessi soggetti sieropositivi che in Francia sono oltre 30mila.

 
Ti potrebbe piacere anche

I più letti