Barbara Massaro

-

Il suo volto più classico è quello con i capelli ricci portati incolti, la barba di qualche giorno e quegli occhi azzurri che non passano mai inosservati.

Negli anni, però, Claudio Santamaria ha cambiato diverse volte aspetto passando dal look scapigliato a quello dandy, dai baffi curati ai capelli quasi rasati a zero.

Certo, però, che lo strano taglio con cui ha accolto il David di Donatello come miglior attore protagonista per la pellicola Lo chiamavano Jeeg Robot passerà alla storia.

Santamaria, infatti, in barba all'etichetta, si è presentato sul palco con un cappellino da baseball a nascondere la capigliatura.

Una caduta di stile che però, dopo aver ricevuto il premio consegnato da Valeria Golino, è stata presto spiegata quando l'attore ha tolto il berretto rivelando una rasatura della parte centrale del cranio con i capelli lasciati crescere ai lati.

Non un colpo di testa, ma un esigenza di copione visto che l'interprete sta girando la pellicola Brutti e Cattivi dove gli è stato chiesto di recitare con un simile taglio. Per il momento non si sa se Santamaria sarà un convincente "Cattivo", ma di certo con quel look bello non è.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sanremo 2014, la seconda serata con Baglioni, Santamaria e Franca Valeri

Sul palco anche le gemelle Kessler, Rufus Wainwright, Clemente Russo, Armin Zoeggler e Kasia Smutniak - Social #Sanremo

Claudio Santamaria su Rai 1 in Non è mai troppo tardi

Il maestro Alberto Manzi rivive in due puntate che ripercorrono la storia umana e professionale di un docente il cui compito fu insegnare a leggere e a scrivere a un milione e mezzo di italiani in un paese dove l'analfabetismo era un serio problema

È arrivata la felicità: 5 cose da sapere sulla serie con Pandolfi e Santamaria

Nel maxi cast ci sono anche Edwige Fenech, Ninetto Davoli e Lunetta Savino

Commenti