Società

Non solo uova e colombe: ecco i 5 dolci cult di Pasqua

Dolci della tradizione e golosità glamour. Piccolo viaggio sulle tavole degli italiani con cinque proposte facili (e gustose) da realizzare anche a casa

Pasqua 2013

Tra uova di cioccolato e colombe, s'impongono anche i sofisticati e colorati cupcakes. Ma ogni regione d'Italia ha il suo irrinunciabile dolce pasquale – Credits: (Getty Images)

Non solo uova di cioccolato e colombe. Per Pasqua sempre più italiani puntano sui dolci della tradizione e sulle raffinatezze del momento: e per la tavola delle feste si spazia dalle ricette tendenza local alle golosità d’oltreoceano. Ma quali sono i cinque dolci cult della Pasqua 2013? Ce lo svela Ambra Romani, chef e pasticceria cresciuta alla corte di Gianfranco Vissani, da tre anni nel cast de La prova del cuoco. Sorriso contagioso e abilità culinaria da far invidia, ha sfornato torte deluxe tra le altre anche per Michelle Hunziker, Lory Del Santo e La Pina. “Per Antonella Clerici? Ancora no, ma ho fatto un sacco di biscotti per lei e la figlia Maelle” dice sorridendo e presentando i nuovi corsi-laboratori di cucina che terrà dal mese di aprile (tutte le info su www.nobeventi.com). Ecco i suoi suggerimenti per realizzare con piccoli trucchi, deliziosi dolci homemade.

Ambra-Romani_emb4.jpg

AGNELLO DI MARZAPANE. Uno dei dolci più gustosi arriva dalla Sicilia. Può sembrare complesso da fare a casa ma non è così: in commercio si trovano facilmente stampi in silicone che riproducono la forma di un agnello accovacciato. Basta lavorare la pasta di mandorle fino a ottenere un impasto morbido, spolverare lo stampino con zucchero a vero e poi riempirlo. Poi con i coloranti alimentari si può rifinire per realizzare occhi e bocca. Semplice e gustosissimo.

PASTIERA NAPOLETANA. E’ un must per tutti i golosi (non solo a Pasqua). Si trova in molte pasticcerie d'Italia, con mille varianti, ma la ricetta tradizionale – che si recupera facilmente su internet - è sempre la migliore. La cosa più complessa da fare è la pasta frolla, che va lavorata con lo strutto, ma si può acquistare anche quella già pronta: poi si lavora la ricotta con il grano cotto, l’uvetta, i candidi e l’acqua di fiori d’arancio. Ottima e goduriosa.

pastiera-napoletana_emb4.jpg

PARDULAS. Tra i dolci pasquali più ghiotti ci sono queste piccole tortine a base di formaggio, immancabile sulle tavole della Sardegna. E’ un dolce particolare, dal retrogusto salato, che cambia in base al tipo di formaggio che si utilizza per crearle: il ripieno si fa mescolando ricotta o una caciotta grattugiata, abbondante zafferano, buccia di limone, uova e zucchero. La base è una sfoglia che diventa una sorta di piccolo cestino, che va poi va pizzicato per dare la tipica forma a fiore. Gran golosità.

TORTA DI VISCIOLE. Grande classico della cucina ebraica romana, è celebre nel mondo quella del Forno Boccione al Ghetto di Roma. Sembrerebbe quasi una ‘cugina’ della pastiera: la base è una frolla aromatizzata alla cannella e il ripieno è fatto di ricotta. Si alternano uno strato di ricotta lavorata con lo zucchero con la marmellata di visciole. Sapore rustico ma estremamente raffinato, semplice anche da realizzare a casa.

CUPCAKES. Sono in assoluto il dolce fashion del momento, che si possono declinare anche per la Pasqua. Si tratta di morbidi muffin ricoperti con una pasta di zucchero oppure con crema al burro o al mascarpone. Non fanno parte della nostra tradizione, ma sempre più persone vogliono imparare a farli e visto il numero di richieste terrò anche un laboratorio tematico sui dolci americani. Il bello è che bastano poche mosse per adattarli al gusto italiano: magari decorandoli con piccoli ovetti di zucchero o cioccolato, oppure profumandoli alla rosa o alla violetta, per una ventata di primavera in cucina. Glamour e sfiziosi.

CUP-CAKE-ROSA_emb4.jpg
© Riproduzione Riservata

Commenti