Life

Toto Cutugno, la pagina Facebook diventa un caso USA

Un gruppo di ricercatori s'interroga sul successo della fan page che pubblica sempre la stessa foto

Schermata 02-2457057 alle 10.53.58

Barbara Massaro

-

Ce ne sono tante su Facebook di fan page che pubblicano sempre la stessa foto, ma quella di Toto Cutugno è diventata un caso. Al contrario delle sue "sorelle" la pagina dedicata all'"Italiano vero" macina contatti e like. Perchè? Si sono chiesti alcuni ricercatori che lavorano anche per la Cornell University negli Stati Uniti. Come è possibile che l'infallibile e segretissimo algoritmo di Mark Zuckerberg permetta ad una pagina che ogni giorno non fa che riprodurre la medesima foto di avere qualcosa come 47.000 "Mi pace"?

Lo studio americano si intitola "Everyday the Same Picture: Popularity and Content Diversity" e pone in relazione il grado di popolarità di una fan page con la sua diversificazione contenutistica, elemento che dovrebbe far cadere l'ago della bilancia a favore della diversità. Più i contenuti sono vari più generano commenti e interazioni e questo dovrebbe determinarne la popolarità. Invece, nel caso di quella nominata: "La stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno", tutto ciò non funziona e foto di un Toto in versione anni '80 funziona in maniera tautologica.

C'è qualcosa, allora, nell'algoritmo di Facebook che non funziona? I creatori della pagina dedicata alla stessa foto di Toto Cutugno (che tra l'altro nella URL porta l'inquietante numero diabolico 666) hanno trovato il modo per aggirare l'alfa e l'omega del successo del social network per eccellenza?

Secondo Walter Quattrociocchi, professore dell'IMT di Lucca e coautore dello studio non è proprio così, come viene riportato da Tgcom24: "Non si tratta di uno studio della Cornell University, ma di un deposito dove le bozze degli articoli vengono messe a disposizione della comunità scientifica per ricevere feedback—non è la Cornell che se ne è interessata. Due, nell'articolo si parla di cracking del codice di Facebook, di aver creato danni al newsfeed di Facebook, il che non è assolutamente vero".

Insomma Zuckerberg può continuare a dormire sonni tranquilli, il Toto nazionale non rischia di far vacillare le fondamenta del colosso USA.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Facebook, 5 consigli per promuovere i tuoi post (senza spendere troppo)

Quando si conosce il proprio pubblico di riferimento, batestano pochi euro per rendere visibili dei post potenzialmente coinvolgenti

Facebook non è più (solo) un social network

Il numero di utenti, l’impatto sull’economia e sull’informazione: la creatura di Mark Zuckerberg è ormai un’industria a tutti gli effetti

Su Facebook meglio tenersi alla larga dal porno (e dai virus che porta)

Un nuovo tipo di virus usa il profilo utente per creare finti contenuti pornografici in cui vengono taggate decine di amici. Già infettati 100mila utenti

Commenti