Life

Egitto, conduttrici tv sospese perché troppo grasse

Una decisione che fa discutere quella presa dalla televisione di Stato Ertu

Khadija Khattab, sospesa perchè troppo grassa

Barbara Massaro

-

Costrette a stare a casa fino a completamento avvenuto della dieta dimagrante. E' quanto sta succedendo a 8 giornaliste egiziane al centro di un caso di discriminazione di genere che sta facendo discutere.

Khadija Khattab (la bionda reporter della foto) e altre 7 colleghe, infatti, sono state accusate dalla tv di Stato egiziana, la Ertu (Egyptian Radio and Television Union) di essere troppo grasse per condurre il notiziario e per questo la dirigenza ha deciso di sospendere le donne fino a quando l'ago della bilancia non fosse sceso sotto il livello di guardia permettendo loro di tornare in video.

Nel frattempo le giunoniche anchor women staranno a casa ma verranno ugualmente retribuite. Una decisione che sta facendo il giro del mondo (i primi a riportarla sono stati i colleghi della BBC) suscitando perplessità e interrogativi. La vicenda è stata condannata anche dal Centro egiziano per l'orientamento e la consapevolezza giuridica delle donne, secondo il quale il caso viola la Costituzione ed è una forma di violenza contro le donne.

La Carta fondamentale varata nel 2014, infatti, impegna lo Stato a "Raggiungere l'eguaglianza tra donne e uomini in tutti i diritti civili, politici, economici, sociali e culturali" ed a proteggerla da qualunque forma di violenza.

Nonostante questo i vertici della Ertu non sono intenzionati a tornare indietro sostenendo che lo facciano anche per il bene delle donne così tutelate da modelli estetici errati.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il crollo del turismo in Egitto

L’incidente aereo complica il rilancio del turismo. Attorno alle piramidi, oggi non restano che pochi beduini, mercanti e qualche guardia

I copti in Egitto: le violenze dei musulmani

Nuovi attacchi alla comunità cristiana egiziana. Si discute una legge per regolamentare la costruzione e la ristrutturazione delle chiese

Storia (a lieto fine) di Ahmed, partito dall'Egitto per salvare il fratellino

A 13 anni è arrivato da solo in Italia per cercare un medico disposto a operare il fratello. E l'ospedale Careggi di Firenze si mobilita

Commenti