Apre il sexy car wash..all'italiana. Ed è polemica

Tutti in fila, in Sardegna, per farsi pulire l'auto da due modelle super sexy

Ha aperto, tra molte polemiche, il sexy car wash di Olbia, a pochi passi dall'aeroporto – Credits: Thinkstock.it

Eleonora Lorusso

-

La Sardegna come il Texas. No, il paesaggio non c'entra nulla, o meglio: dipende da quale "paesaggio" si intende. Rocce e cactus non c'entrano, ovviamente, ma le due super modelle che sono state ingaggiate per pulire le auto nel sexy car wash di Olbia ricordano molto bene le tipiche ragazze texane, tutte curve e bellezza. E' proprio in terra sarda, non lontano dalla Costa Smeralda dei vips, infatti, che ha aperto i battenti il sexy car wash dello "scandalo".

Sì, perché il singolare autolavaggio ha già scatenato un vespaio di polemiche, prima tra tutte quelle sollevate dall'associazione "Prospettiva Donna", con sede a poche centinaia di metri dal luogo "incriminato", ovvero lo scalo dell'aeroporto di Olbia. Ma andiamo con ordine: da poco è stato inaugurato uno dei pochissimi esempi di car wash in stile americano, uno di quei posti dove decine e decine di automobilisti si recano per farsi dare una ripulita alla vettura. Ma in questo caso, oltre a veder uscire l'auto fiammante dalle spazzole pulitrici, si può godere anche dello "show" delle due modelle ingaggiate dal proprietario dell'impianto, proprio per richiamare clienti.

Le donzelle, a dire il vero non molto pratiche con spazzole e idropulitrici, secondo i ben informati, sono però abilissime nello sfiorare la carrozzeria delle auto con il loro corpo e le loro forme, tanto da lasciare estasiati gli automobilisti. Insomma, lo spettacolo delle due modelle "al lavoro" ripagherebbe non solo del costo del lavaggio, ma anche dai tempi d'attesa che, a giudicare dall'esordio dell'autolavaggio, si annunciano sempre piuttosto lunghi. 

Ma l'idea di un sexy car wash poco è piaciuta a molti e in particolare a molte. Qualcuno le ha già soprannominato "comari", ricordando la reazione delle donne di paese al passaggio della Bocca di rosa cantata da De André. Sta di fatto che le proteste ora montano: "Un’associazione impegnata a contrastare la violenza di genere e che si batte per un società anche a misura di donna, non può che condannare queste iniziative" ha spiegato Patrizia Desole, presidente dell'associazione "Prospettiva Donna", aggiungendo: "Questo tipo di pubblicità è lesivo della dignità delle donne e produce stereotipi che incoraggiano la mercificazione del loro corpo, proprio questi stereotipi sono alla base della diffusione della cultura della violenza e della disparità tra i generi".

Insomma, nessun margine di trattativa: questo autolavaggio "non s'ha da fare" sembrano tuonare le donne locali e non solo. Dal canto loro le modelle si difendono e spiegano che quello all'autolavaggio è "solo il nostro lavoro". Quanto al titolare dell'impianto, non nasconde un po' di soddisfazione, parlando di una certa affluenza al car wash, anche se sembra troppo presto per poter dire che gli affari vadano a gonfie vele. Per ora i clienti non mancano, la curiosità neppure. Non resta che aspettare per capire se presto o tardi anche qui capiterà una troupe del programma Le Iene, che in passato si era occupata di uno caso analogo: un sexy car wash in provincia di Rieti, sorto tra non poche polemiche. 

© Riproduzione Riservata

Commenti