Da Apple a Mao, i nomi più strani dei figli vip (e non)

Da pochi mesi a questa parte negli Stati Uniti è boom di nomi che ricordano i dispositivi Apple. Ma sono molti i figli di vip (e non solo) che sono stati chiamati in modo "originale"

Nella foto alcuni neonati. Negli Usa boom di nomi come Mac e Siri,m in omaggio alla Apple. Credits: Getty Images

Eleonora Lorusso

-

In principio, e in un passato neppure troppo lontano, fu Gwyneth Paltrow, che chiamò la figlia Apple. Ma l'attrice, come ebbe modo di spiegare, si ispirò al noto frutto. Oggi invece, sembra che la nuova tendenza sia quella di chiamare i figli con i nomi più bizzarri, sempre più spesso ispirati al mondo dell'informatica.

Sarà forse per "l'effetto Steve Jobs", ma sopratutto negli Stati Uniti si sta assistendo ad un fiorire di Mac e Siri, scelti come nomi per i propri figli. A dirlo è un recente sondaggio condotto dalla Cnn , secondo cui negli ultmi mesi molti neonati si chiamano come i dispositivi della Mela. Ma non solo. In un'epoca dominata dai social network, in Egitto qualche mese fa una coppia ha pensato di chiamare il proprio figlio Facebook. I genitori, di fronte all'incredulità generale, si sono affrettati a spiegare che il valore del nome sta nel ricordo della primavera egiziana e nel ruolo che il social aveva giocato.

Del resto ai nomi bizzarri dati dalle star ai propri figli ci eravamo abituati. Non occorre scomodare Micheal Jackson, che ha chiamato i figli Prince Michael I, Paris Micheal Catherine e Prince Michael II i figli; è sufficiente "accontentarsi" di Naike Rivelli, figlia di Ornella Muti, che ha optato per Akash. Che dire poi di Uma Thurman, che per la figlia ha scelto un (apparentemente) semplice e corto Luna, che però nasconde una sfilza di nomi: Rosalind Arusha Arkadina Altalune Florence. A proposito di Florence, sono ancora molto gettonati i nomi che ricordano città o Paesi, come Boston per Kurt Russell, Egypt, Ireland e India, scelti rispettivamente da Alicia Keys, Alec Baldwin e Corey Hart per i rispettivi figli. Se le famiglie aristocratiche non fanno testo  in quanto ad originalità (Leone, Oceano e Vita Elkann solo per fare due esempi), suscita qualche curiosità il secondo nome del figlio di Andrea Agnelli, Giacomo Dai (un'esortazione?).

Qualche difficoltà nella scelta dei nomi potrebbe averla incontrata, invece, Anthony Quinn che di figli ne ha avuti ben 13: Christofer, Christina, Valentina, Francesco, Duncan, Lorenzo, Daniele, Patricia, Hathleen, Danny, Alex, Antonia, Ryan Nicholas. Altra palma per l'originalità per Bob Geldof, che ha chiamato i figli Fifi Trixiebelle, Pixie e Peaches Honeyblossom, ovvero Miele di fiore di pesche. Ha puntato sulla musica classica, poi, Boris Becker, per il terzogenito, Amadeus, mentre Cate Blanchett ha scelto Ignatius per il proprio figlio e Cher ha puntato su un valore quasi estinto per la primogenita: Chastity.

Tornando alla storia, se Jane Fonda ha chiamato il figlio Troy e Martina Colombari e Billy Costacurta hanno scelto Achille per il loro figlio, Luc Besson ha puntato sulla cina e il suo leader storico, Mao, mentre Jason Lee sembra essersi inventato un nome di sana pianta per il figlio: Pilot Inspektor. E i più diffusi? NEgli Usa lo scorso anno hanno guidato la top ten, secondo nomix.it , Sophia e Jacob; in Italia si ritrova Sofia, insieme a Giulia, mentre per i maschi Francesco e Alessandro sono i più gettonati, mentre in Francia Marie e Jean sono i classici per eccellenza.

© Riproduzione Riservata

Commenti