Lifestyle

Roma ieri e oggi. Le foto più belle

Alla American Academy lo sguardo su tre generazioni di donne, pioniere e protagoniste della fotografia dal XIX secolo ad oggi: Esther Van Deman, Georgina Masson, Jeannette Montgomery Barron

Ispirata al celebre saggio di Virginia Woolf, Una stanza tutta per sé, “A View of One’s Own: Tre fotografe a Roma” la mostra con fotografie dell' archeologa americana Esther Van Deman, della scrittrice Georgina Masson e della fotografa contemporanea Jeannette Montgomery Barron, espone una selezione di fotografie di donne straniere che hanno vissuto a Roma per tre successive generazioni, tutte collegate in qualche modo all’ American Academy in Rome.

Il loro lavoro confronta aspetti della Città Eterna e le sue trasformazioni urbane nel corso di più di un secolo, dalla Belle Epoque ai nostri giorni. Allo stesso modo, traccia l’emergere della fotografia come mezzo indipendente esercitato da donne con un punto di vista distintivo, che passano dall’ approccio documentaristico ad un' interpretazione più soggettiva, dando vita - in tempi e modi diversi - ad una nuova narrazione della città.

La mostra è a cura di Lindsay Harris, Peter Benson Miller e Angela Piga

A View of One’s Own: Tre fotografe a Roma
13 ottobre - 27 novembre 2016
The American Academy in Rome - Via Angelo Masina 5, Roma -

La mostra sarà inaugurata il 13 ottobre 2016 da un intervento della fotografa americana Zoe Strauss, mentre il 3 novembre alle ore 18 il confronto è con la grande fotografa siciliana Letizia Battaglia.

Photographic Archive, American Academy in Rome
Esther B. Van Deman, Le colonne del Tempio di Marte Ultore e il cosiddetto Arco dei Pantani, Roma, 1903
Ti potrebbe piacere anche

I più letti