Renzi, dopo l'Italicum, dovrà vedersela con gli elettori
Gettyimages
Renzi, dopo l'Italicum, dovrà vedersela con gli elettori
News

Renzi, dopo l'Italicum, dovrà vedersela con gli elettori

Psicodramma nel Pd, scontro nella casta. Agli italiani non interessano. Ma con la nuova legge potranno giudicare il Governo sulle misure per i problemi veri

Tutti a interrogarsi e a prender posizione sul piglio autoritario di Matteo Renzi che pone la fiducia e in una lettera a La Stampa elenca i pregi dell’Italicum (come se lo scontro fosse sul merito e non sulla forma: la sostituzione dei deputati Pd in Commissione e l’arma della fiducia che è pur sempre un “ricatto” politico e costituzionale). Ma chi si "interroga" appartiene al Palazzo. Non so quanto nel Paese questo interrogarsi, questo psicodramma sulla legge elettorale, sia sentito davvero.

Italicum: cosa prevede la nuova legge elettorale


Renzi si presenta come un premier che decide, e che pur di decidere (su un tema come la legge elettorale che richiede una decisione, per non lasciare il Parlamento in balìa di un vuoto e nell’impossibilità concreta di andare a nuove elezioni) dà fondo a tutti gli strumenti che le regole parlamentari e la Costituzione gli attribuiscono. La forzatura è pur sempre nei limiti della legge e della Carta. A contrastare il “fascismo” di Renzi è principalmente la minoranza del suo partito, del Pd. Ancora una volta, lo psicodramma è tutto interno a una sinistra che non riesce a dialogare con se stessa ed è devastata e frantumata proprio nel momento in cui il suo leader detiene il massimo del potere reale. Ma ancora una volta, lo scontro è limitato alla casta politica, peraltro delegittimata da elezioni (le ultime) che non hanno partorito vincitori.

L'Italicum in cerca di fiducia


Il paradosso di Renzi, semmai, è un altro. Perché non impiegare lo stesso piglio autoritario per assumere le decisioni di politica economica e fiscale che servono realmente al Paese? Su quel fronte, che interessa ai cittadini e non al Palazzo, il decisionismo renziano si trasforma nel suo opposto: in una sequela di annunci e promesse, pochissime mantenute. Nel Paese reale giovani, famiglie, imprenditori e disoccupati soffrono la latitanza di un governo effettivo. E poi c’è il peccato originale, che come tutti i peccati originali non smette di esercitare il suo ambiguo influsso sotterraneo: sarebbe più facile per Matteo Renzi governare col polso duro (sia pur formalmente democratico), se la sua premiership fosse il frutto di una investitura popolare. Invece governa a Palazzo Chigi, terzo presidente del Consiglio non “espresso” da elezioni politiche dopo il “tecnico” Mario Monti e Enrico Letta, grazie a manovre di partito e di corte.

L’investitura di Renzi è parlamentare, non popolare. Né può equivalere a un’investitura piena il risultato di oltre il 40 per cento del Pd nelle elezioni europee (perché, appunto, erano consultazioni per il Parlamento europeo e non per quello nazionale). Adesso ci sarà una nuova legge elettorale e la possibilità di andare al voto in ogni momento: elemento incontestabilmente positivo dell’approvazione a colpi di maggioranza e fiducia delle nuove regole. Ma fin quando Renzi non sarà passato attraverso la prova elettorale, il suo decisionismo apparirà a molti autoritario. E fin quando non adopererà lo stesso piglio decisionista o autoritario per risolvere i problemi dei cittadini e del Paese, il suo autoritarismo o decisionismo apparirà come un risiko di Palazzo per mantenere o incrementare il proprio potere.

A sconfiggere Matteo, se fallirà nel dare soluzione ai problemi degli italiani, saranno gli elettori grazie alla nuova legge elettorale, non certo quell’accolita di professionisti della politica e del frondismo che oggi tentano di fargli le scarpe nel suo partito ma si guardano bene dal mandare a casa la legislatura (e infatti, chi li nominerebbe o rieleggerebbe mai?). 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti