Virginia Raggi si difende e fa appello alla buona fede

La difesa del sindaco che rischia un processo per abuso d'ufficio e falso sulle nomine di Salvatore Romeo e di Renato Marra al Comune di Roma

virginia-raggi

Il sindaco di Roma Virginia Raggi - 21 giugno 2017 – Credits: ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Redazione

-

La Procura di Roma ha chiuso il pacchetto di fascicoli sulle nomine che riguardano Virginia Raggi, sindaco di Roma. Per lei si fa concreto il rischio di un processo per abuso d'ufficio in relazione alla nomina di Salvatore Romeo a capo della segreteria politica e per falso per quella alla direzione Turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, già ex capo del personale.

LEGGI ANCHE: Virginia Raggi, perché è a rischio processo

Il sindaco in una conferenza stampa ha difeso la sua posizione. "Ritengo di aver agito in buona fede e spiegherò le mie ragioni ai magistrati. Ho sentito Beppe (Grillo), mi ha incitato ad andare avanti. Continueremo a lavorare. Siamo orgogliosi del lavoro fatto. Stiamo facendo un cambiamento radicale".

Ed elenca i risultati raggiunti: dall'approvazione del bilancio in anticipo rispetto ai termini di legge al dimezzamento delle cubature nel progetto dello Stadio a Tor di Valle. Quindi ringrazia i romani per "la pazienza" necessaria. È cosciente, dice, che molte delle azioni intraprese non sono ancora visibili e spiega che "la rivoluzione" verrà completata nei 5 anni della consiliatura. "Sarebbe stato molto facile - dice - risolvere subito alcuni problemi chiamando al telefono alcune ditte, che peraltro non conosciamo, ma non ci sarebbe stato cambiamento. Dobbiamo fare cose che fanno bene alla città anche se i tempi sono un po' più lunghi per legge".

Le reazioni

"Vedremo se quelli che ci facevano la predica urlando "Onestà" riusciranno a provare la loro innocenza nelle aule di tribunale, cosa che ci auguriamo. Perché noi siamo garantisti sempre, non a giorni alterni", dice Matteo Renzi, segretario del Pd.

"Non si deve dimettere per avviso di garanzia, semmai per incompetenza - attacca Silvio Berlusconi - Grillo ha sempre gridato contro altri, poi quando capita a loro cambiano idea".

Matteo Salvini ribadisce il no alle dimissioni, sottolineando però che in un anno "non ha fatto niente" per Roma.

"Salvini è molto benevolo, si vede che non vive a Roma. La situazione della città è disastrosa", rincara Giorgia Meloni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Virginia Raggi a Roma: perché vuole lo stop dei flussi di profughi

Il sindaco ha chiesto al Viminale una moratoria per la città. A cui Beppe Grillo aggiunge la chiusura ai rom. Il sapore della propaganda politica

La Giunta Raggi lancia l'Ufficio Tevere. Ma la delibera dov'è?

Annunciata per il 6 aprile la sua nascita. Ma nel sito di Roma Capitale il provvedimento non si trova. Perchè... non c'è

Roma: Virginia Raggi e il sogno dei referendum online

Petizioni e voto dal web nello Statuto del comune della Capitale. Ecco perché l'iniziativa del sindaco sembra democratica, ma invece non lo è

Comune di Roma: tutti i dossier del sindaco Raggi

Dalle buche ai rifiuti, dagli asili nido alle partecipate: le questioni di cui il sindaco deve occuparsi oltre allo Stadio della Roma

Tutte le grandi incompiute urbanistiche della giunta Raggi

Dalle Torri di Ligini all'Eur all'ex caserma del Forte Trionfale, fino al blocco dell'edilizia agevolata: le inadempienze non riguardano solo lo Stadio

Commenti