Mafia capitale: la bugia di Marco Vincenzi

L'ex capogruppo Pd aveva negato di essere stato presente alla seduta che deliberava due emendamenti pro-Buzzi. Le carte lo smentiscono

vincenzi

Marco Vincenzi, e capogruppo Pd del Lazio – Credits: FACEBOOK

Di Floriana Bulfon

Solo poche ore fa lo staff di Marco Vincenzi contattato da Panorama.it ha precisato che l’ex capogruppo Pd alla Regione Lazio, finito nelle intercettazioni di Mafia Capitale, non era presente il giorno della votazione di due emendamenti volti a far accedere direttamente i municipi di Roma al fondo regionale per il riequilibrio territoriale e a destinare una quota del fondo ai progetti legati al verde pubblico e al sociale.

“Li ha presentati, ma il 17 giugno, quando sono stati votati, il consigliere Vincenzi non c’era”. Siamo invece riusciti a trovare i verbali di quel giorno e a pagina 15 ecco il consigliere Vincenzi che illustra l’emendamento n 526 e pochi minuti dopo anche l’emendamento n 527. Non solo era presente, li ha persino illustrati. Emendamenti naturalmente approvati proprio quel giorno.

© Riproduzione Riservata

Commenti