News

Perché l'Ulster dovrebbe preoccupare Theresa May

In Irlanda del Nord si potrebbero riaccendere le tensioni indipendentiste con lo spettro dei "troubles". Intanto si va a elezioni anticipate

Patrolling Derry

Vittorio Emanuele Parsi

-

Ben più che la minaccia di un nuovo referendum per l'indipendenza della Scozia, è il possibile ritorno dei "troubles" che hanno insanguinato per circa un trentennio l'Irlanda del Nord (facendo oltre 3.000 morti) che dovrebbe preoccupare il premier britannico Theresa May.

La tensione settaria nell'Ulster nonè mai stata completamente sradicata. Ma da quel Venerdi Santo del 1998 in cui venne siglata la storica pace tra l'Ira e il governo di Sua Maestà la violenza era quasi scomparsa.
Il timore è che possa riaccendersi proprio a causa dell'esito del referendum sulla Brexit.

La cornice europea aveva infatti giocato un ruolo cruciale per il raggiungimento della pace. Per gli indipendentisti, l'Unione europea aveva rappresentato la garanzia che Londra non avrebbe potuto rimangiarsi le promesse fatte per arrivare alla pace.

Il fatto che tanto a Gran Bretagna quanto l'Irlanda fossero entrambi Stati membri della Ue aveva consentito il riavvicinamento tra Londra e Dublino, ma anche enfatizzato l'anacronismo di un confine sigillato e militarizzato tra i due Paesi.

Anche psicologicamente, la divisione dell'Irlanda veniva a essere superata e quasi sublimata nella comune appartenenza europea. Ora non sarà più così.

Non bastasse, tutto questo si verifica mentre a Belfast va in scena la crisi del governo regionale, che porterà a imminenti nuove elezioni.

Il 9 gennaio si è dimesso Martin McGuinness, il vice-premier dello Sinn Fein (espressione dell'ala politica dell'Ira), membro di un governo di coalizione che rappresentava la formula politica obbligatoria per il mantenimento della pace tra cattolici e protestanti.

Referendum unificazione con L'Eire
Gerry Adams, storico leader del partito, ha parlato apertamente di un referendum per l'unificazione, la cui sola evocazione appare in grado di ridare fiato alle cornamuse delle milizie orangiste e di infiammare gli animi dei repubblicani.

Anche ammesso che Londra ne autorizzasse lo svolgimento, il suo esito sarebbe tutt'altro che scontato, considerato che la maggioranza della popolazione dell'Ulster è composta da protestanti di origine scozzese, tradizionalmente unionisti.
ùMa se anche la Scozia dovesse tornare al voto (e questa volta a favore dell'indipendenza), un'inedita maggioranza "celtica", trasversale rispetto alle divisioni religiose, potrebbe vedere la luce.

Sullo sfondo, ma neppure troppo, c'è il timore del possibile esaurimento del "rinascimento nordirlandese", del quale oltre alla pace sono responsabili i molti miliardi di sterline arrivati negli anni dai fondi europei: 2,5 solo nell'ultima assegnazione, mentre altri due erano attesi entro il 2020.

Non a caso, il 56 per cento degli irlandesi aveva votato a favore del "Remain". Anche il turismo risentirebbe del ritorno della tensione. In questi anni ha conosciuto un notevole sviluppo (723 milioni di sterline solo nel 2016), insieme all'industria dello spettacolo: tra gli altri la serie televisiva The Fall (ambientata a Belfast) e le riprese di Game of Thrones (la cui intera troupe è stata ospitata nell'Ulster per 6 mesi).
Una pace e un benessere, oggi, appesi a un filo. Un filo chiamato elezioni anticipate. Affondato il governo di coalizione, lo Sinn Fein ha costretto il Paese a tornare alle urne il prossimo 2 marzo.

© Riproduzione Riservata

Commenti