News

Riesplode la rabbia islamica contro Charlie Hebdo

Dalla Cecenia al Pakistan, dal Niger fino all'Algeria: i fondamentalisti all'attacco nei Paesi musulmani

Proseguono in Niger, Cecenia e Pakistan, e in altri Paesi musulmani, le proteste contro le caricature di Maometto da parte del settimanale satirico francese Charlie Hebdo: un forte coro per denunciare "le offese all'Islam" e per "difendere il profeta", con bandiere francesi date alle fiamme, e in Niger anche una ventina di chiese.

Tra i 500 e i 1000 manifestanti hanno sfilato a Jalalabad, in Afghanistan, decine di migliaia oggi a Grozny, in Cecenia, altri diecimila ieri in Pakistan, a Lahore, dove i sostenitori dell'organizzazione Jamaat-ud-Dawa  hanno urlato slogan tipo "Abbasso Charlie Hebdo" e "Morte ai blasfemi". A Karachi l'ex campione di cricket e politico Imran Khan ha tenuto un comizio al quale hanno partecipato in centinaia, mentre a Peshawar decine di manifestanti cristiani hanno organizzato una loro protesta bruciando una bandiera francese e chiedendo che il settimanale venga censurato. Tre le persone ferite, tra cui un fotografo dell'Afp ed un cameraman di una tv locale.

Non si placa la tensione neanche in Niger. Oggi le forze di sicurezza hanno usato gas lacrimogeni per disperdere centinaia di sostenitori dell'opposizione ad una manifestazione vietata nella capitale, organizzata dopo l'uccisione di 10 persone nelle violente proteste dei giorni scorsi contro le vignette blasfeme. Nei disordini, che hanno provocato devastazioni e saccheggi,  sarebbero state incendiate oltre 20 chiese.

Scontri tra manifestanti e polizia sono stati registrati anche in Algeria, dove circa tremila persone hanno intonato "Siamo tutti Maometto", e non è  mancato il sostegno per i fratelli Koachi, responsabili della strage nella redazione di Charlie Hebdo. Nella capitale del Senegal, Dakar, la polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere circa 1.000 manifestanti che cantavano "Allahu Akbar" e incendiavano una bandiera francese. A Nouakchott, in Mauritania, in migliaia hanno marciato cantando "Siamo qui per difendere il profeta". Alcuni hanno dato fuoco a una bandiera francese dopo che le forze di sicurezza hanno impedito loro di raggiungere l'ambasciata di Francia. Proteste sono state registrate anche in Algeria, Giordania, Sudan, Libano, Siria e nei Territori palestinesi, dove centinaia di persone hanno sfilato pacificamente nella Spianata delle Moschee, con striscioni in cui c'e' scritto "l'islam e' una religione di pace". 

Charlie Hebdo: ma è opportuno insistere con Maometto?

Le manifestazioini contro Charlie

AFP PHOTO / Arif ALI
Hafiz Saeed, leader of Jamaat-ud-Dawah (JuD) in Pakistan
Ti potrebbe piacere anche

I più letti