X Factor 7: Andrea, Ape Escape e Michele dominano la sesta puntata
X Factor 7: Andrea, Ape Escape e Michele dominano la sesta puntata
Musica

X Factor 7: Andrea, Ape Escape e Michele dominano la sesta puntata

Fuori i Free Boys che rifanno Robbie Williams truccati da Kiss

Con l'uscita dei Free Boys da X Factor 7 viene meno il tormentone "boyband sì boyband no" che tanto aveva appassionato i giudici. L'unica potenziale boy band della settima edizione non c'è più. Il trio è stato eliminato nel ballottaggio con Fabio che aveva proposto Basket case dei Green Day passeggiando sul tavolo dei giudici. Niente di eclatante, solo tanta energia. Non mi hanno mai entusiasmato i Free Boys, ma bisogna dire che ieri sera non sono stati i peggiori. Ci hanno provato con Let me entertain you di Robbie Williams truccati da Kiss. Però il pubblico...

Stupisce di puntata in puntata Andrea, il beat box man che ieri ha "suonato" l'assolo di chitarra dei Pink Floyd in Another Brick in the Wall con la bocca. Ha talento e non se la tira. Potrebbe arrivare fino in fondo e regalare soddisfazioni al team di Morgan. 

La sorpresa della puntata numero 6 è stata l'esibizione di Michele Bravi alle prese con un pezzo impossibile scelto da Morgan: See Emily Play, dei Pink Floyd dell'era Syd Barrett (a lui era ispirato il look di Morgan). Una mission impossibile sulla carta, ma Michele si è superato con un'interpretazione leggera ed ispirata al tempo stesso, fluttuando sul palco come un Willy Wonka psichedelico. Grande.

Non era facile il compito di Viò: Tasche piene di sassi di JovanottiQuella di ieri sera non è stata la sua migliore prova, ma un risultato importante lo ha raggiunto: d'ora in poi basta con con il nome d'arte Viò. Torna ad essere Violetta per scelta di Mika. Gli Ape Escape hanno brillato con un gran bel remake di Luce, il classico di Elisa. Due rappano e uno canta (decisamente bene): la formula è standard ma i risultati sono dalla loro parte. E Gaia? Bitch di Meredith Brooks era credibile. Certo, lo show della puntata precedente con Seven Nation Army dei White Stripes era di un altro livello. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti