Torna in Italia il folk di Micah P. Hinson
Torna in Italia il folk di Micah P. Hinson
Musica

Torna in Italia il folk di Micah P. Hinson

Sei concerti per uno dei giovani cantautori americani più interessanti. Canzoni essenziali, cupe e magiche.

Micah P. Hinson è il mezzo miracolo di una voce calda e profonda che esce da un corpo esile, acciaccato. Non gli servono grandi arrangiamenti: basta un accenno di linea melodica, una struttura abbozzata, e riesce a dare alle sue canzoni un’intensità sconosciuta a molti. Sarà che prima di metter piede sul palco aveva già visto il dolore più nero: nato Memphis (Tennessee) in una famiglia di un cristianesimo troppo rigido, a vent’anni Hinson era già passato attraverso diverse risse, giorni in prigione, dipendenza da alcol e droga.

È uno capace di iniziare un concerto dicendo: “All’ingresso non avete visto l’avviso ‘Micah P. Hinson sarà professionale’”. O di registrare un album, come l’ultimo “Micah P. Hinson and the Nothing”, con le braccia provate da un incidente d’auto. È stato aiutato da Nick Phelps, polistrumentista che ha lavorato anche con Tom Waits: ha sentito le canzoni che Hinson aveva scritto prima di partire per il tour del 2011 (che sarebbe finito per colpa di quell’incidente) e ha voluto aiutarlo a registrarle.

“Ho messo molto tempo e molto amore in ogni canzone”, dice Micah P. Hinson, che nei giorni passati in studio ancora non sapeva che sarebbe potuto tornare a suonare la chitarra. Lo farà, per sei date a partire da oggi, in giro per l’Italia, accompagnato dai Pioneer Saboteurs.

Queste le date:

13/05 - Hana-Bi, Marina di Ravenna

14/05 - Circolo Magnolia, Milano

15/05 - Astoria, Torino

16/05 - Circolo degli artisti, Roma

17/05 - Macello, Padova

18/05 - Teatro Leopardi, S. Ginesio (Macerata)

 
Ti potrebbe piacere anche

I più letti