Esteri

Strage di San Valentino: i liceali di Parkland in marcia contro Trump - Foto

Che, però, scarica le responsabilità sull'Fbi poiché, a suo dire, non avrebbe colto i segnali dell'attacco perché troppo impegnata nel Russiagate

Strage di Parkland: proteste anti-Trump

Luciano Lombardi

-

20 febbraio - Donald Trump apre a una stretta sulle armi da fuoco. Il presidente americano - ha detto uno dei portavoce della Casa Bianca, Raj Shah - sostiene gli sforzi per migliorare il sistema di controlli federali sull'acquisto di pistole e fucili.

La base per questo tipo di azione potrebbe essere - ha spiegato il portavoce - una legge bipartisan presentata al Senato.

E' la prima volta che Trump fa un'apertura sul fronte delle armi, lui che finora è stato un candidato nettamente contrario a ogni intervento, oltre che legato a filo doppio con la potentissima lobby della National Rifle Association (Nra) che lo ha sostenuto nella sua corsa alla Casa Bianca.

"A novembre - aveva detto prima delle elezioni presidenziali - è in gioco il secondo emendamento della Costituzione", quello che riconosce la libertà per ogni americano di possedere un'arma. Ma ora il presidente potrebbe essere pronto a una piccola svolta, sotto la pressione di studenti, insegnanti, genitori che, dopo l'ultima strage in un liceo della Florida, chiedono a gran voce di fare di più contro la piaga delle sparatorie nei campus scolastici e universitari

19 febbraio - E’ stato un fine settimana intenso per Donald Trump che ha incontrato i feriti e i familiari delle vittime della strage di San Valentino.

Sarebbe dovuto essere un weekend deputato alla condivisione del dolore, ma si è trasformato in qualcosa d’altro: nelle manifestazioni che gli studenti hanno organizzato in due cittadine della Florida la tristezza per quanto accaduto a Parkland si è trasformata in rabbia, sfogata innanzitutto in direzione di The President, in quanto responsabile primo di quel gun control che negli Usa non esiste, per quella antica collusione tra Congresso e lobby delle armi.

 

#nomoreguns

Le manifestazioni, dunque, sono andate oltre le veglie e le candele accese e hanno rappresentato l’embrione di un movimento che vorrebbe un #nomoreguns, basta armi, accanto a #metoo.

Per sapere se il percorso tracciato porterà a qualcosa di concreto o finirà ancora nella palude degli interessi economico-politici di sempre bisognerà probabilmente attendere il prossimo 24 marzo, quando Washington ospiterà una grande manifestazione contro la diffusione delle armi.

Il rimbalzo delle responsabilità

Trump - che in settimana che in settimana incontrerà una delegazione di alunni e insegnanti del liceo colpito dalla follia e dalle pallottole dell’Ar-15 di Nikolas Cruz - ha incassato per poi affidare la sua replica a Twitter, spostando il focus del problema con una staffilata verso l’Fbi, a suo dire la vera responsabile dei fatti di Parkland perché i suoi agenti, invece di vigilare e aver saputo cogliere i segnali dell’imminente strage, erano (troppo) impegnati a cercare prove per incastrarlo nell’inchiesta sui legami tra la Russia e le ultime presidenziali.

Per saperne di più

- Dalla Columbine a Parkland: tutte le stragi nelle scuole americane

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Controllo delle armi, il dibattito che non interessa all'America

Repubblicani e Democratici sono tutti a libro paga della lobby (trasparente) della Nra. Ma il secondo emendamento...

Nicholas Cruz, dalla strage nella scuola di Parkland alla confessione

La storia del 18enne che, membro di una milizia di nazionalisti bianchi, ha sparato in Florida a compagni e insegnanti

Il cordoglio social per la strage di Parkland

Studenti, ragazzi, giovani americani attoniti dopo l'ennesima strage in una scuola Usa

Dalla Columbine a Parkland: tutte le stragi nelle scuole americane

La lunga scia di sangue è iniziata nel lontano 1927 con i 45 morti della Bath School, il peggior sterminio scolastico di sempre

Sparatoria in Florida: morti e feriti nel liceo di Parkland

Nicholas Cruz, 18 anni, ha aperto il fuoco uccidendo almeno 17 tra studenti e insegnanti. È stato poi arrestato

Commenti