Esteri

Russiagate: ecco chi è coinvolto dell’inner circle di Trump

Tutti i personaggi implicati nell'inchiesta del procuratore Mueller sulle interferenze del Cremlino nelle elezioni presidenziali

donald-trump

Luciano Lombardi

-

Michael Flynn

Ex generale, fu scelto da Trump come consigliere per la sicurezza nazionale. Fu costretto a dimettersi per aver nascosto al vice-presidente Mike Pence ciò che avvenne nel suo incontro con l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Sergei Kislyak. Si è dichiarato colpevole di aver mentito all'FBI facendo tremare la Casa Bianca.

KT McFarland

Ex consigliera di Trump poi nominata ambasciatrice a Singapore, sta diventando una figura-chiave del Russiagate. Seconto quanto riportato dal New York Times, il 29 dicembre del 2016, in uno scambio di e-mail con il transition team, avrebbe scritto: "La Russia ha consegnato le elezioni a Trump".

Paul Manafort

L’ex manager della campagna elettorale di Trump, è al momento l’indagato numero uno dell’inchiesta. Attualmente agli arresti domiciliari, gli vengono contestati 12 capi d’imputazione, tra cui quelli di cospirazione a danno degli Stati Uniti, riciclaggio e falsa testimonianza. Rischia fino a 80 anni di carcere e milioni di dollari di multa. Il 68enne avvocato, uomo d’affari e lobbista è stato per oltre un decennio consulente politico in Ucraina.

Rick Gates

Una sorta di alter-ego di Manafort: cominciò a lavorare con lui nel 2006, in un’agenzia di lobbying internazionale impegnata soprattutto in Ucraina. Divenne poi il suo braccio destro nella campagna elettorale di Trump.

 

George Papadopoulos

Specialista di politica estera, è stato consigliere di Trump e impegnato nella sua campagna elettorale. Le sue attività si sono concentrate soprattutto nel creare contatti con esponenti russi e ricevere da loro informazioni dannose per Hillary Clinton, mentendo poi all’Fbi su tali incontri che però furono confermati da diverse e-mail.

James Clapper

Ex capo della National Intelligence, la “sala dei bottoni” dei servizi segreti federali, ha paragonato il Russiagate al Watergate, attribuendogli implicazioni ancora più gravi poiché riguardano le interferenze di un Paese straniero. Dopo l’abbandono dei servizi segreti, Clapper è stato accusato da Trump di averlo spiato anche dentro le mura della propria casa.

Michael Flynn

Ex generale, fu scelto da Trump come consigliere per la sicurezza nazionale. Fu costretto a dimettersi per aver nascosto al vice-presidente Mike Pence ciò che avvenne nel suo incontro con l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Sergei Kislyak. Si è dichiarato colpevole di aver mentito all'FBI facendo tremare la Casa Bianca.

Jeff Sessions

Il senatore dell’Alabama e attuale ministro della Giustizia statunitense sarebbe tra i membri dell’inner circle del presidente Usa ad aver incontrato l’amasciatore russo a Washington.

Sergei Kislyak

L’ambasciatore russo a negli Stati Uniti avrebbe avuto incontri segreti con molti esponenti dell’entourage di Trump, tra cui Flynn (la cui non ammissione a Pence costò il posto), Session e Kushner.

Donald Trump Jr

Secondo l’Fbi, avrebbe incontrato un’avvocato russo che gli avrebbe promesso - e forse consegnato - del materiale potenzialmente compromettente su Hillary Clinton.

Jared Kushner

Il marito di Ivanka Trump, figlia di Donald, avrebbe incontrato segretamente sia Kislyak che il numero uno della banca russa Veb, soggetta alle sanzioni Usa.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Russiagate, i social network usati per creare caos negli Stati Uniti

Facebook, Twitter e falsi account sarebbero stati strumenti per fomentare divisioni razziali e religiose. Ecco le strategie adottate

Russiagate: perché ora per Trump la tregua è finita

Paul Manafort, ex manager della campagna elettorale del tycoon, si è consegnato all'FBI. Finite le indiscrezioni inizia la resa dei conti

Russiagate, le rivelazioni di Twitter sugli account sospetti

Il social network ha trovato e sospeso circa 200 profili apparentemente legati al tentativo russo di interferire sulle presidenziali americane. Ecco i dettagli

Russiagate: a cosa serve il Grand Jury

Voluto dal procuratore speciale Mueller è necessario per le messe in stato di accusa del Presidente Usa. Nel mirino Donald jr e gli affari Trump-Russia

Russiagate: come Trump ha difeso Donald Jr

Concordato un comunicato trasparente sull'incontro con l'avvocatessa del Cremlino, il Tycoon lo corresse puntando sull'adozione di bambini russi

Cos'è il Russiagate: parole, personaggi, intrecci

Da Abramson Seth a Witch Hunt passando per "I love it": 35 voci che spiegano le relazioni pericolose dell'amministrazione Usa con Putin e il suo staff

Russiagate: Trump Jr incastrato dalle mail

Rispose con entusiasmo alle mail di un intermediario che prometteva informazioni sporche su Clinton offerte da un funzionario del governo russo

Russiagate: perché la Cnn ha fatto causa all'Fbi

Il fatto che il bureau, dice, non li renda disponibili viola la legge federale sulla libertà di informazione

Cosa ci ha detto l'audizione di James Comey su Russiagate

L'ex direttore dell'Fbi al comitato del Senato sull'intelligence ribadisce che Trump è un bugiardo e che ha cercato di deviare le indagini

James Comey: Trump mi chiese di non indagare Flynn per il Russiagate

La testimonianza dell'ex direttore dell'Fbi per il Comitato Intelligence del Senato, rende più difficile la situazione del presidente

Commenti