Esteri

Rohingya: bambine in fuga, schiave del sesso

Scappate dalla persecuzione del Myanmar, in Bangladesh sono vittime dello sfruttamento sessuale e della prostituzione minorile

Rohingya

Redazione

-

Tragedia nella tragedia, per bambine e donne Rohingya la fuga dal Myanmar che li perseguita è la porta di una nuova angheria: lo sfruttamento sessuale. Il caos che regna nei campi profughi, le rende "merce" ghiotta del mercato della prostituzione in Bangladesh.

A portarlo alla luce è un'inchiesta della Bbc. 

Come funziona l'adescamento delle bimbe Rohingya

Nei campi profughi che sorgono in Bangladesh, al confine con il Myanmar (ex Birmania), i traffici di persone a scopo sessuale sono all'ordine del giorno. Le principali vittime sono donne e bambine, adescate con la promessa di un lavoro o di un aiutoOffrire la possibilità di una vita migliore a famiglie disperate è la tattica crudele usata dai trafficanti.

Come ha detto una madre, "ovunque è meglio" di una vita dentro i campi. Ecco così che alcuni genitori piangono per i loro figli, finiti chissà dove, altri invece sorridono sperando in una prospettiva di vita migliore. 

"Sapevo cosa mi sarebbe successo", ha raccontato una quattordicenne Rohingya alla Bbc. "Tutti sanno che la donna che mi ha offerto lavoro fa fare sesso alla gente; è una Rohingya, è qui da molto tempo, la conosciamo, ma non avevo scelta. Non c'è niente per me qui".

Come vengono trattate le baby prostitute Rohingya

Molte delle ragazzine Rohingya vittime dello sfruttamento minorile finiscono nella città bengalese di Cox's Bazar. Hanno per lo più tra i 13 e i 17 anniNella gerarchia della prostituzione di Cox's Bazar, le Rohingya sono in fondo alla lista: sono ritenute sporche, le meno desiderabili e le più economiche in "commercio". Il loro ingresso nel mercato del sesso ha costretto il prezzo della prostituzione a scendere.

C'è molto ricambio nel "parco" ragazze della prostituzione: le giovanitte non sono tenute a lungo perché i clienti sono soprattutto bengalesi del posto e si annoiano, vogliono variare. E poi "le ragazze più giovani fanno più casino, quindi ci liberiamo di loro", ha detto un pappone al team investigativo della Bbc, presentatosi sotto copertura, come stranieri in cerca di sesso. 

Al giornalista sotto mentite spoglie sono state presentate foto di baby prostitute, per far scegliere la preferita. C'è una grande disponibilità di ragazze e un soprendente margine di scelta. Molte delle bambine vivono con le famiglie dei magnaccia. Quando non sono con un cliente, spesso o cucinano o fanno pulizie.
Divise tra povertà e prostituzione, molte delle ragazzine non vedono altra prospettiva se non il lavoro sessuale, senza il quale non sarebbero in grado di provvedere a se stesse o alle loro famiglie.

Le Rohingya vengono "smerciate" anche a Chittagong e a Dacca in Bangladesh, a Katmandu in Nepal, a Calcutta in India. Qui, dove l'industria del sesso è fiorente, ricevono carte di identità indiane e sono assorbite dal sistema, perdendo le loro vere identità.

Internet è il mezzo che facilita la comunicazione tra i diversi gruppi di criminalità organizzata. I gruppi Facebook, aperti o chiusi, sono una via d'accesso a un'industria del sesso minorile sotterranea.
La crisi dei rifugiati ha offerto a pedofili e trafficanti l'ennesima opportunità per depredare gli individui più vulnerabili.


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché i Rohingya in Myanmar sono vittime di un genocidio

La persecuzione della minoranza musulmana del Myanmar ha tutte le caratteristiche che configurano giuridicamente questo specifico crimine contro l'umanità

Rohingya, le parole di Francesco per i musulmani perseguitati in Myanmar

Il pontefice in ginocchio davanti a 16 profughi: La presenza di Dio si chiama anche Rohingya. Stiamo vicino a loro perché siano riconosciuti i loro diritti

Myanmar, i Rohingya schiacciati fra repressione etnica e guerriglia

I miliziani dell'Arsa contribuiscono ad aggravare la condizione della minoranza musulmana che vive nello stato occidentale dell'Arakan

Commenti