Esteri

Prima di Trump e Kim Jong-Un: le strette di mano che hanno fatto la storia

Dall'incontro tra Stalin Churchill e Truman a quella tra Rabin e Arafat, quando un saluto cambia la storia

Trump e Kim Jong-un

Barbara Massaro

-

Ci sono delle foto che sigillano un momento storico, l'attimo in cui il clinamen degli eventi attua una svolta che lo porta a proseguire il suo corso in una direzione fino a poco tempo prima impensabile.

L'ultima di queste foto storiche è quella che immortala il Presidente Usa Donald Trump stringere la mano al dittatore nord coreano Kim Jong-Un.

La stretta di mano tra Trump e Kim Jong-Un

Un saluto durato poco più di 10 secondi alle nove ore locali di Singapore prima che i due leader si riunissero per un colloquio della durata di 40 minuti al termine del quale Trump e Kim Jong-Un hanno firmato un documento che s'impegna ad avviare in breve tempo la denuclearizzazione dei due Paesi. "Ci siamo lasciati il passato alle spalle" ha spiegato Trump entrato a pieno titolo tra i Presidenti americani destinati a fare la storia.

Prima di lui tanti suoi colleghi (e non solo) sono stati protagonisti di strette di mano che hanno cambiato in maniera radicale il corso degli eventi.

 

Dal dopo guerra agli anni '70

Tra le più celebri va ricordata senza dubbio quella del 1945 tra le tre grandi potenze mondiali nel corso della conferenza di Potsdam per la spartizione dell'Europa alla fine della seconda guerra mondiale. Intorno al tavolo c'erano il Primo Ministro inglese Winston Churchill, il Presidente Usa Harry Truman e il dittatore russo Stalin. 

Altro momento chiave per le sorti del globo è stato la stretta di mano tra il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon e il leader cinese Mao Zedong. Da quel momento i rapporti oriente occidente hanno iniziato una lenta fase distensiva. 

E' il 1978 quando l'Egitto riconosce Israele, che restituisce il Sinai. Epocale la triplice stretta di mano stretta fra Jimmy Carter, l'egiziano Anwar Sadat e l'israeliano Menachem Begin. Sadat e Begin furono premiati con il Nobel.

Gli anni '80 e '90

Sette anni dopo, nel 1985, saranno Ronald Reagan e l'allora neo leader sovietico Mikhail Gorbaciov a entrare nella storia dopo il faccia a faccia a Ginevra. 

La fine dell'Apartheid in Sud Africa è invece siglata anche dalla stretta di mano tra Nelson Mandela e il presidente Frederik De Klerk, l'uomo che ha firmato la scarcerazione del premio Nobel.

Tornano protagonisti gli Stati Uniti nel 1993 quando il presidente americano Bill Clinton è testimone e mentore della stretta di mano tra il leader dell'Olp Yasser Arafat e il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin in occasione degli accordi di pace di Oslo, che poi però fallirono.

Gli anni 2000

E poi vanno citate le strette di mano tra il presidente sud coreano Kim Dae-Jung e il leader nordcoreano Kim Jong-Il a Pyongyang, nel 2000 (si trattava del primo summit dopo la fine della guerra delle due Coree 1950-1953); l'incontro a Tripoli tra il primo ministro inglese Tony Blair e il dittatore libico Geddafi (2004); la stretta di mano tra la Regina Elisabetta e Martin McGuinness, ex comandante dell'Ira e presidente dell'Irlanda del Nord (2012) e, infine, la storica stretta di mano tra il presidente Barack Obama e Raul Castro durante il primo incontro tra i due paesi dalla fine dell'embargo su Cuba.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Guerra delle tariffe: perché Trump ci guadagna, ma l’America no

Il presidente protegge gli interessi del suo elettorato e mina la leadership economica del paese

Summit Trump - Kim Jong-un: le conseguenze per la Cina

Pechino teme ricadute economiche e strategiche dell'incontro di Singapore: a rischio la leadership sull'area

Trump e il G7: il bullo che vuole destabilizzare il mondo

Il presidente, da re dei sovranisti, ha sconfessato il summit con un tweet e ha spostato le attenzioni sull'incontro con Kim Yong-Un

A Singapore l'incontro tra Trump e Kim Jong-un: cosa è emerso - Foto

Accordo sulla completa denuclearizzazione della penisola coreana. Solo allora saranno eliminate le sanzioni contro Pyongyang

Kim jong-un e Donald Trump: perché il vertice di Singapore si farà

La Cina ha cambiato gli equilibri del negoziato, creando le condizioni per aggiungere i diritti umani all'agenda del vertice

Commenti