Redazione

-

9 marzo 2017

La notizia del giorno è che, a un mese e mezzo dal primo turno delle presidenziali, si fa strada la "pazza idea" di Francois Hollande: dopo il passo indietro di dicembre, il presidente - allarmato dall'ipotesi di una vittoria di Marine Le Pen alla presidenziali - potrebbe ripensarci.

Per questo - scrive Le Parisien - ha raccolto nella massima discrezione le 500 firme di patrocinio necessarie. Intanto, lacerazione totale nel Partito socialista: la destra del partito starebbe per annunciare il voto per Macron.

Secondo diverse fonti giornalistiche vicine all'Eliseo, Hollande si riserverebbe di scendere in campo soltanto nel caso che Emmanuel Macron calasse nei sondaggi e che il vincitore delle primarie, Benoit Hamon, continuasse a rimanere così basso (al 13-14%).

- LEGGI ANCHE: Presidenziali francesi 2017, Macron si candida: "Ce la possiamo fare"
- LEGGI ANCHE: Presidenziali francesi: chi è Fillon, il candidato (sotto inchiesta) della destra
- LEGGI ANCHE: Presidenziali francesi 2017: fuori Sarkozy, ballottaggio Fillon-Juppé
- LEGGI ANCHE: Elezioni in Francia: chi può avere vantaggio dall'inchiesta su Fillon
- LEGGI ANCHE: Da Le Pen a Fillon: la destra francese è più viva che mai
- LEGGI ANCHE: Il Parlamento Ue revoca l'immunità a Marine Le Pen
- LEGGI ANCHE: Chi è Hamon, il candidato socialista all'Eliseo

Ieri, in Consiglio dei ministri, Hollande - che ha fatto della battaglia contro l'ipotesi Le Pen presidente la sua priorità di fine mandato - ha raccomandato a tutti unità e coesione. Ma il partito appare spaccato come non mai: fonti attendibili danno come imminente la pubblicazione di un documento da parte di pesi massimi del PS che - disobbedendo alla disciplina delle primarie - non voteranno Hamon ma Macron.

Tra i firmatari ci sarebbero, fra gli altri, Jean-Yves Le Drian e Claude Bartolone, ministro della Difesa e presidente dell'Assemble'e Nationale. Potrebbero confluire altri due pesi massimi del governo, Segolene Royal e Jean-Marc Ayrault. Ieri hanno annunciato il loro voto per Macron e non per Hamon l'ex sindaco di Parigi, Bertrand Delanoe, e l'ex consigliere di Francois Mitterrand, Jacques Attali.

Nei sondaggi Macron supela Le Pen
Intanto, sul fronte dei sondaggi, per la prima volta il candidato social-liberale Emmanuel Macron (En Marche) supera la presidente del Front National, Marine Le Pen, nelle intenzioni di voto per il primo turno.

Il sondaggio Harris Interactive per France Televisions, vede Macron al primo posto con il 26% dei voti, seguito dalla Le Pen con il 25%. Più ampia di quanto appariva in precedenza la vittoria prevista di Macron al secondo turno, 65% contro il 35% per la Le Pen


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi è Hamon, il candidato socialista all'Eliseo

La vittoria a sorpresa dello sfidante dell'ex premier Valls: reddito universale e il sogno di unificare le sinistre europee, da Martin Schulz a Podemos

Marine Le Pen: diritti negati ai figli degli immigrati

La Leader del Front National vuole limitare per loro l'accesso all'istruzione. Andando contro la Costituzione e la Dichiarazione dei diritti umani

I bodyguard di Marine Le Pen picchiano un giornalista

Il motivo? Una domanda indiscreta sull'assunzione fittizia di alcuni assistenti parlamentari del FN nel parlamento europeo: il video

Le Pen: la Francia contro l'Europa, l'Islam, il liberismo

Ultranazionalismo d'altri tempi, ossessione contro le élite, slogan sovranisti, uscita dalla Ue e dalla Nato: la candidata della destra presenta la sua faccia estremista

Chi è Emmanuel Macron, l'uomo che vuole cambiare la Francia

Dinamico, postideologico ed europeista. Il fondatore di En Marche! è stato eletto presidente della Repubblica

Bufera giudiziaria su Marine Le Pen: "Un complotto politico". Ma nei sondaggi vola

Un suo collaboratore in stato di fermo, l'altro incriminato per truffa e abuso d'ufficio. Eppure la leader del FN è forte come non mai

Il Parlamento Ue revoca l'immunità a Marine Le Pen

L'eurodeputata e leader del Front National aveva postato su Twitter immagini violente di esecuzioni dell'Isis

Da Le Pen a Fillon: la destra francese è più viva che mai

L'affluenza record per scegliere lo sfidante di Le Pen dimostra che i moderati transalpini si stanno organizzando: chi sono i due candidati ancora in lizza

Francia: valanga di voti per Francois Fillon

Alle primarie di centrodestra, il conservatore stravince su Alain Juppé. A sinistra invece Manuel Valls annuncia la sua candidatura. E scoppia il caos

Elezioni in Francia: chi può avere vantaggio dall'inchiesta su Fillon

La parentopoli che ha investito l'ex premier e candidato all'Eliseo potrebbe mettere le ali a Emmanuel Macron, il giovane leader di En Marche!, un movimento liberalprogressista e filoeuropeo in forte crescita nei sondaggi

Presidenziali francesi 2017, Macron si candida: "Ce la possiamo fare"

Il 38enne di Amiens ha spiazzato tutti, annunciando la sua nomination senza passare per le primarie della gauche

Presidenziali francesi 2017: fuori Sarkozy, ballottaggio Fillon-Juppé

Affluenza record alle primarie dei Republicains, dalle quali emerge Fillon, che potrebbe diventare il pretendente più forte all'Eliseo

Presidenziali francesi: chi è Fillon, il candidato (sotto inchiesta) della destra

Pacato, antipopulista, europeista, liberista in economia e filoputiniano in politica estera: il ritratto di uno dei potenziali successori di Hollande

Perché Macron può davvero vincere le presidenziali francesi

Le cinque ragioni che spiegano la forte ascesa del candidato social-liberale in tutte le rilevazioni delle case sondaggistiche

Commenti