Esteri

Mueller vuole interrogare Trump: il Russiagate vicino alla svolta

La Casa Bianca si è detta favorevole all'eventualità: restano da definire modalità e contenuti dell'incontro

Robert Mueller

Redazione

-

All’indomani dell’annunciata apertura di un’indagine su Ivanka, il procuratore speciale incaricato di fare luce sul Russiagate, Robert Muller, ha dichiarato di essere pronto ad avere un colloquio con il più illustre padre. Se così fosse, l’inchiesta potrebbe essere davvero vicina a una vera e propria svolta, grazie a un’accelerazione dalle conseguenze difficili da prevedere.

A sollevare tale possibilità è stato lo stesso Mueller che - secondo fonti ben informate - avrebbe già affrontato la questione a fine dicembre col team dei legali del tycoon, John Dowd e Jay Sekulow, con i quali si starebbe cercando di definire modalità e contenuti dell'incontro per evitare un vero e proprio interrogatorio, l'uno seduto di fronte all'altro, e per decidere l'esatto perimetro delle questioni da affrontare.

Ultimo round?

Si starebbe arrivando, dunque, alla stretta finale delle indagini che per ora si sono fermate ad alcuni ex manager della campagna di Trump e ad alcuni esponenti del suo inner circle, fino a coinvolgere membri della famiglia come il figlio maggiore Donald Jr e il genero Jared Kushner, marito di Ivanka Trump.

Non avrebbe infatti detto la verità sull'incontro con Sergey Kislyak, l'ex ambasciatore russo negli Stati Uniti. Trump sarebbe indagato per ostruzione alla giustizia, per aver chiesto all'ex direttore dell'Fbi James Comey di insabbiare l'inchiesta sui contatti con Mosca durante la campagna presidenziale.

L'ok di Trump

Ambienti della Casa Bianca intanto fanno sapere che Trump non vedrebbe di cattivo occhio la possibilità di essere ascoltato direttamente dal procuratore speciale, convinto che la sua testimonianza possa servire a fugare definitivamente ogni dubbio sui sospetti legami tra i vertici della sua campagna elettorale e la Russia.

L'unico punto su cui gli avvocati del tycoon sarebbero riluttanti è proprio quello di un confronto diretto con Mueller senza limiti temporali e di contenuti.

I precedenti analoghi

Si ragionerebbe dunque attorno alla possibilità di risposte scritte da parte del presidente americano, esattamente come fece Ronald Reagan all'epoca delle indagini sullo scandalo Iran-contras.

Nel 1998 invece il presidente Bill Clinton, travolto dal sexy-scandalo Lewinsky, rispose per quattro ore alle domande di tre procuratori in collegamento audio e video dalla Casa Bianca.

Nel 2004 invece George W.Bush sedette in persona di fronte a un procuratore nello Studio Ovale per rispondere sul caso di un consigliere della Casa Bianca che avrebbe violato l'identità di un agente donna della Cia, per punire il marito che aveva criticato la guerra in Iraq.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Russiagate: in un libro, le rivelazioni di Bannon che inchiodano Trump

Le indiscrezioni dell'ex chief strategist del presidente che accusa il Tycoon, suo figlio e suo genero di incontri sovversivi con i russi

Se il Russiagate non è il vero problema dell'America

Sia Trump sia Sanders lo definiscono un non-problema. Perché dietro c'è poca Russia e molta America, quella che dalla scuola alla sanità perde colpi

Russiagate: ecco chi è coinvolto dell’inner circle di Trump

Tutti i personaggi implicati nell'inchiesta del procuratore Mueller sulle interferenze del Cremlino nelle elezioni presidenziali

Russiagate: Flynn confessa di aver mentito. Trump trema

L'ex consigliere per la sicurezza nazionale si è dichiarato colpevole di menzogna sugli incontri avuti con i russi. Ora testimonierà contro il Presidente

Russiagate: Donald Trump Jr. e i suoi contatti con WikiLeaks

Tutte le frasi incriminate tra il primogenito del presidente Usa e il gruppo di Julian Assange

Russiagate, i social network usati per creare caos negli Stati Uniti

Facebook, Twitter e falsi account sarebbero stati strumenti per fomentare divisioni razziali e religiose. Ecco le strategie adottate

Russiagate: perché ora per Trump la tregua è finita

Paul Manafort, ex manager della campagna elettorale del tycoon, si è consegnato all'FBI. Finite le indiscrezioni inizia la resa dei conti

Commenti