Esteri

Migranti: alta tensione tra Austria e Grecia

Mentre i Paesi UE continuano a litigare, è in corso un esodo di più di mille persone verso la Macedonia

migranti grecia

Redazione

-

Mentre l'Unione Europea continua a inseguire una linea comune, anche in vista del vertice con la Turchia del prossimo 7 marzo, un fiume di oltre mille migranti ha rotto le recinzioni del campo di Diavata, in Grecia, mettendosi in marcia verso Idomeni, al confine con la Macedonia, con l'intento di proseguire il suo viaggio della speranza attraverso l'Europa.

Tensione al massimo tra Austria e Grecia
"La situazione sulla rotta dei Balcani occidentali è davvero critica. La possibilità di una crisi umanitaria su larga scala è molto reale e molto vicina", ha avvertito il commissario europeo  all'Immigrazione, Dimitris Avramopoulos, al termine della riunione dei ministri dell'Interno UE di giovedì 26 febbraio, al termine della quale è però emersa l'ennesima spaccatura, con i Paesi dell'est e l'Austria che ormai pensano solo a blindare i confini, tagliando fuori proprio la Grecia. Che ovviamente non è disposta a stare al gioco: "Non accetteremo di diventare il Libano d'Europa e un magazzino di anime", ha infatti protestato il viceministro ellenico per l'Immigrazione Ioannis Mouzalas, furibondo per il trattamento riservato al suo Paese, escluso dal vertice organizzato ieri dall'Austria a Vienna. Uno "sgarbo" politico in seguito al quale Atene ha anche richiamato in patria per consultazioni il suo ambasciatore nella capitale austriaca.

Italia, Francia e germania con gli ellenici
Sempre durante il vertice dei ministri dell'Interno dei Paesi UE, in difesa della Grecia hanno invece parlato Angelino Alfano, il francese Bernard Cazeneuve e il tedesco Thomas de Maiziere, facendo pressione affinché si mettano in atto soluzioni comunitarie, senza decisioni "unilaterali" da parte dei singoli Stati. Una posizione condivisa anche da Avramopoulos: "Servono risultati chiari e tangibili sul terreno nei prossimi dieci giorni, o c'è il rischio che l'intero sistema collassi", sono state le parole del commissario europeo all'Immigrazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti