Esteri

Migranti, Gentiloni ribadisce: aiuto dall'Europa o bloccheremo i porti

A Berlino, al vertice di preparazione del G20, il presidente del consiglio incassa il sostegno di Merkel e Juncker. I distinguo di Macron

gentiloni europa migranti

Redazione

-

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha riproposto giovedì con forza la questione dell'accoglienza dei migranti in Italia in relazione alle responsabilità dell'Unione europea.

L'occasione è stata un vertice a Berlino fra i paesi europei, convocato in vista del G20.

"Siamo sotto pressione e chiediamo il contributo concreto dell'Europa". È dunque nello scarto tra gli impegni politici e la realtà, il problema che l'Italia pone a Bruxelles e ai governi europei.

Le richieste all'Europa

Gentiloni ha elencato i fronti su cui il governo chiede di agire: "discutere del ruolo delle ong, della missione Frontex, delle risorse per lavorare in Libia e negli altri paesi africani, di allargare i programmi di ricollocamento".

Segnali concreti, altrimenti sarà il blocco navale

Il premier italiano è andato al punto: "Abbiamo internazionalizzato le operazioni di salvataggio ma l'accoglienza resta di un Paese solo". Per questo Gentiloni ha chiesto segnali significativi e concreti di un contributo all'accoglienza o l'Italia passerà al blocco navale.

Sul tavolo, ha detto Gentiloni, mettiamo da un lato l'impegno umanitario e il "rispetto delle regole", dall'altro la pistola fumante del possibile blocco dei porti all'approdo delle navi che salvano migranti. Al momento, spiegano fonti diplomatiche, il capitolo risorse è quello su cui è più facile ottenere risposte, viste le resistenze di numerosi paesi sui ricollocamenti.

Ma all'Italia non basta più: "Il nostro sistema di accoglienza è a dura prova", avverte Gentiloni. Che sul tema può contare sul pieno sostegno del presidente Sergio Mattarella, che si sta spendendo molto anche nel rassicurare i partner internazionali sulla stabilità del Paese in un momento delicato come la fine della legislatura.

I dubbi di Macron

Paolo Gentiloni ha trovato il sostegno di Angela Merkel e la sponda del presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker, secondo cui gli "sforzi eroici di Italia e Grecia vanno sostenuti". Il presidente francese Emmanuel Macron invece ha posto una serie di distinguo.

È, in sostanza, una disponibilità all'aiuto "condizionata": Parigi è pronta a fare "la sua parte - dice Macron - sui richiedenti asilo" ma frena sui migranti per motivi economici, che sono "l'80% di quelli che arrivano in Italia". E così, mentre difende la linea dura adottata a Ventimiglia, Macron mette a nudo resistenze diffuse nei Paesi Ue e difficoltà nel tradurre gli impegni in azioni concordate.

Il sostegno di Merkel e Tusk

"Aiuteremo l'Italia, ci sta a cuore", dice Merkel, prendendo la parola in risposta a una domanda non rivolta direttamente a lei. La cancelliera sottolinea il nodo Libia e rinvia al vertice di Tallin, che vedrà mercoledì riuniti i ministri dell'Interno dell'Ue, per "soluzioni concordate".

Il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk annuncia che porrà anche sul piatto del G20 la proposta di sanzioni per i trafficanti: il tema va affrontato, spiega, in sede Onu anche valutando una black list. "Concederemo ogni aiuto possibile all'Italia", ha affermato lo spagnolo Rajoy.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Migranti in Italia, tutti i numeri del 2017

Nei primi sei mesi, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sono aumentate del 14,4% le persone sbarcate. Novemila sono minori

Migranti: il governo (forse) fermerà le navi in arrivo dalla Libia

Gentiloni ha posto la questione formalmente all'Unione europea: se non ci date una mano bloccheremo le imbarcazioni che non battono bandiera nazionale

Il Parlamento Europeo studia nuove mosse sulla gestione dei migranti

Migranti e profughi, tutti gli sbarchi e i naufragi del 2017

Un anno cruciale per le politiche migratorie, che segnerà la cifra record di 200 mila ingressi in Italia

Chi si arricchisce sulla pelle dei migranti

Dalle Ong alle cooperative, dai centri di accoglienza ai comuni, dai clan ai politici: per molti gli sbarchi sono una miniera d'oro. Su Panorama in edicola dal 18 maggio

Ong e migranti, Medici senza frontiere si difende

"Contro di noi polemiche inaccettabili". E ancora: "Una reputazione da ricostruire". Ecco i punti principali dell'audizione di fronte alla Commissione parlamentare.

Migranti: perché il Senato vuole fermare i corridoi umanitari gestiti dalle Ong

Dovranno, invece, occuparsene gli Stati o gli organismi internazionali. Lo prevede la commissione Difesa del Senato

Ong e migranti: cosa ha detto il procuratore di Trapani

Il pm Ambrogio Cartosio davanti alla commissione Difesa del Senato esclude finanziamenti illeciti e contatti con i trafficanti. Ma specifica: "Alcuni membri delle Ong sanno in anticipo dove soccorrere i barconi" - Il caso MsF

Migranti: quali sono gli interessi delle mafie secondo Zuccaro

Gli appetiti dei clan e la proposta di polizia sulle navi delle Ong. Ecco le parole del procuratore di Catania all'Antimafia e le repliche

Migranti, perché i 5 Stelle attaccano le Ong

Il Movimento insinua legami tra le organizzazioni che soccorrono e i trafficanti in Libia. Ecco cosa dice l'inchiesta della Procura di Catania e il botta e risposta tra Luigi Di Maio e Roberto Saviano

Storie di barche e di migranti raccontate in foto

Anni di immagini di relitti scattate sulle coste del mondo dal fotografo Stefano Benazzo fanno rivivere naviganti ed emigrati

Decreto Minniti sui migranti: cosa prevede la nuova legge

Centri per la permanenza e il rimpatrio, procedure snelle per chiedere asilo e un grado di giudizio in meno per i ricorsi

Migranti: gli abusi e le violenze sulla rotta balcanica - Foto

Un rapporto diffuso dalla Onlus OXFAM denuncia brutalità quotidiane da parte delle autorità in Serbia, Ungheria, Croazia, Bulgaria e Macedonia

Migranti: solo la stabilizzazione della Libia può fermare gli sbarchi

Il nuovo piano d’azione sulla rotta migratoria del Mediterraneo centrale parte bene. Ma resta un dubbio: con chi allearsi per risolvere la crisi libica?

Migranti, così i Paesi europei non rispettano gli impegni

Nonostante gli accordi, sono ancora migliaia i rifugiati bloccati in Italia e in Grecia. E un milione potrebbero essere rimpatriati

Commenti