Redazione

-

Chiusa la rotta balcanica si sta riaprendo quella del Mediterraneo per chi fugge dalla guerra e dalla povertà.  Sono circa 2.800 i migranti soccorsi nel canale di Sicilia nelle ultime ore. La nave Aliseo della marina militare italiana con 796 migranti a bordo, di nazionalità subrahariana tra cui donne e minori, arriverà al porto commerciale di Augusta alle ore 10.30 circa. È appena giunta al porto di Trapani la nave romena Mai con 381 migranti a bordo. Stanno arrivando a breve invece nave Acquarius, con a bordo 371 migranti, al porto di Messina, e nave Diciotti della Guardia Costiera con 774 migranti al porto di Reggio Calabria. 

- LEGGI ANCHE: Migranti, che cosa prevede l'accordo tra Europa e Turchia

- LEGGI ANCHE: Migranti, Renzi a Bruxelles: "Nessuno da solo può salvare l'Europa"

È stato segnalato da un aereo della marina militare un barcone egiziano con circa 300 migranti a bordo che sono stati tratti in salvo dalla nave mercantile Jolly che adesso è in attesa della nave novarese Siem Pilot di Frontex per il trasbordo. Un altro barcone egiziano con a bordo 250 migranti è stato intercettato a sud est delle coste siciliane da una motovedetta della Guardia Costiera di Crotone che dirigerà verso le coste Reggine. 

Un fenomeno che sembra destinato ad aumentare con l'approssimarsi delle bella stagione e su cui non a caso ha richiamato l'attenzione il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, che ha messo in guardia l'Ue dal riacutizzarsi delle migrazione lungo la rotta del Mediterraneo centrale. "Chi fugge dalla guerra va accolto", è stato invece il richiamo della presidente della Camera Laura Boldrini, perche' "la sicurezza è un diritto di tutti anche per chi fugge dalla guerra e dalle persecuzioni".

Ieri invece sono stati undici gli interventi di soccorso compiuti: i gommoni alla deriva erano tra le 20 e le 30 miglia a nord della Libia e a bordo c'erano complessivamente 1.569 migranti. Il salvataggio più consistente lo ha fatto la Nave Diciotti della Guardia Costiera, che ha soccorso 4 gommoni e un barcone, prendendo a bordo 774 migranti, tra cui 125 donne e 5 bambini. Sei invece i gommoni soccorsi dalle navi Borsini, Grecale e Aliseo della Marina Militare. La prima ha tratto in salvo 119 migranti, tutti uomini; la seconda 447 (tra cui 95 donne e 5 minori) la terza 124 (3 donne e 21 minori). Mentre la nave Frankfurt, inserita nel dispositivo Eunavformed, ha soccorso 105 migranti (51 donne e 2 minori). Intanto i dati del Viminale segnalano che gia' i primi tre mesi del 2016 hanno fatto registrare un incremento del 58% dei migranti sbarcati sulle nostre coste rispetto allo stesso periodo del 2015. Le persone arrivate nel nostro Paese quest'anno sono poco piu' di 16mila, 6mila in piu' rispetto a quelle giunte nel primo trimestre dell'anno scorso (10.165).  Ad oggi, nel sistema di accoglienza distribuito sul territorio sono ospitati circa 108mila migranti e circa 10mila minori. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti