Esteri

Marò, la Corte Suprema indiana: Latorre in Italia fino al 30 aprile

La decisione arriva in seguito alle dichiarazioni, preoccupate, del governatore del Kerala

giro_emilia_girone_latorre

Redazione

-

La Corte Suprema indiana ha deciso oggi l'estensione della permanenza in Italia del marò Massimiliano Latorre fino al 30 aprile.

Non più tardi di ieri, il chief minister (governatore) dello Stato meridionale del Kerala, Oommen Chandy aveva dichiarato la sua intenzione di chiedere al primo ministro Narendra Modi di far tornare in India il fuciliere di Marina Massimiliano Latorre nei tempi previsti dalla sua licenza".

"I marò italiani - aveva aggiunto Chandy - hanno commesso un crimine in territorio indiano e quindi devono rispondere alle leggi indiane".

L'incidente che ha coinvolto la petroliera italiana Enrica Lexie su cui viaggiava un team di sei fucilieri di Marina, e che riguarda la morte di due pescatori indiani e' avvenuto a 20,5 miglia nautiche al largo delle coste del Kerala.

In un primo tempo le autorità keralesi hanno processato per questo i fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, ma successivamente la Corte Suprema ha stabilito che il Kerala non aveva i poteri per farlo ed ha trasferito il procedimento a New Delhi. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marò e arbitrato internazionale, le cose da sapere

Chi sono i giudici appena nominati che dovranno esprimersi sul caso dei due fucilieri di marina al Tribunale internazionale

Caso Marò, i tentativi di riportare Girone in Italia

L'Italia ha chiesto ufficialmente che, in attesa dell'arbitrato internazionale, il militare agli arresti in India possa tornare in patria

Renzi a Obama: "Sui marò, pensaci tu"

Commenti