Marine Le Pen e gli ebrei di Vichy deportati: "la Francia non fu responsabile"

La leader del Front National nega che i francesi abbiano avuto un ruolo nella deportazione di 13 mila ebrei francesi del 1942

matine-lepen

Marine Le Pen, leader del Front National - 10 aprile 2017 – Credits: SEBASTIEN BOZON/AFP/Getty Images

Redazione

-

A voi Marine Le Pen. Il leader dell'estrema destra francese, il Front National, è venuta fuori in tutta la sua vera natura disconoscendo la reponsabilità della Francia di Vichy, collaborazionista dei nazisti durante la II Guerra Mondiale, nel più grande arresto di massa d'ebrei, passato alla storia come "il rastrellamento del Velodromo d'Inverno" in cui nella notte tra il 16 ed il 17 luglio 1942 ben 13.000 ebrei francesi vennero raccolti per essere poi deportati nei campi di sterminio.

Rastrellamento per cui l'ex presidente Jacques Chirac e l'attuale Francois Hollande - mai il socialista Francois Mitterand, compromesso con il governo collaborazionista di Vichy - hanno entrambi chiesto scusa per il ruolo avuto dalla polizia francese nel rastrellamento.

- LEGGI ANCHE: Marine Le Pen, chi è l'erede del nazionalismo francese

Marine Le Pen (data dai sondaggi sempre sicura di passare al ballottaggio del 7 maggio, al primo turno delle presidenziali del 23 aprile) ha detto alla tv Lc1, "non penso che la Francia sia responsabile per il Vel d'Hiv (abbreviazione usata per indicare Velodromo d'Inverno, ndr)" aggiungendo "in generale penso che se ci sono dei responsabili, sono coloro che erano al potere a quel tempo. Non la Francia".

Subissata da critiche Le Pen ha chiarito che "considera la Francia come la Repubblica (di Charles De Gaulle, ndr) basata a Londra durante l'occupazione (nazista)" aggiungendo che "il regime di Vichy non era la Francia".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Francia, elezioni del Presidente: la guida completa

Il secondo turno, il sistema elettorale, le date, i sondaggi, i poteri, i rapporti con il primo ministro. Arriva il ballottaggio il 7 maggio

Elezioni in Francia, Macron vince il primo dibattito tv

Il giovane leader del movimento En Marche! si conferma l'uomo nuovo che può battere il nazionalismo populista di Marine Le Pen

Francia, elezioni presidenziali: il dibattito della confusione

Lunedì gli 11 candidati in tv in uno scontro di tutti contro tutti che ha chiarito quasi nulla. Pare che ai francesi sia piaciuto più di tutti Mélenchon

Commenti