L'Europarlamento condanna: supporto di Putin alle forze antieuropee

A Strasburgo approvata risoluzione che accusa la Russia di usare i media per "dividere l'Europa". La replica: "Degrado delle democrazie occidentali"

vladimir-putin

Il presidente russo Vladimir Putin – Credits: MAXIM SHIPENKOV/AFP/Getty Images

Redazione

-

La pressione della propaganda sull'Unione europea da parte della Russia e di gruppi terroristi islamici "sta crescendo". Lo sostiene una risoluzione approvata oggi dal Parlamento europeo. Si sottolinea che il Cremlino starebbe "finanziando partiti e altre organizzazioni all'interno dell'Ue" e condanna il supporto russo a forze antieuropee.

"Il governo russo - si legge nel documento votato dall'Eurocamera - sta utilizzando un ampio ventaglio di strumenti come think tanks, tv multilingua come Russia Today, pseudo-agenzie di stampa e service come Sputnik, social media e troll sul web per sfidare i valori democratici e dividere l'Europa". La risoluzione sottolinea la necessità per l'Europa di contrastare queste "campagne di disinformazione" e suggerisce di rafforzare la task force già al lavoro a Bruxelles per contrastare la propaganda.

L'approvazione della risoluzione "significa che siamo testimoni di un degrado politico della democrazia nei paesi occidentali": ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin, citato dalla Tass. Putin ha detto di aver appreso la notizia della risoluzione dai giornalisti, ma che sapeva che erano in corso discussioni sul tema. Il capo di Stato russo ha denunciato che mentre "tutti cercano di insegnare" alla Russia la democrazia, i parlamentari europei decidono per una politica di restrizioni "che non è il modo migliore" per affrontare le cose e "non corrisponde ai principi e alle norme della democrazia".

"Mi auguro che il buon senso prevalga", ha proseguito, auspicando che la risoluzione non legislativa adottata oggi a Strasburgo, non porti a qualche grave limitazione. Il leader del Cremlino si è congratulato con le testate russe, nominate nella risoluzione del Parlamento europeo perchè, a suo dire, svolgono il proprio lavoro in modo "attivo, efficiente e con talento". (AGI/ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti