Esteri

L'esito scontato delle elezioni in Russia

Il partito di Putin stravincerà anche il 18 settembre. Il presidente controlla tutti i gangli vitali del paese e l'opposizione è ridotta al silenzio

putin-rusia

Il presidente russo Vladimir Putin con il Ministro della difesa Sergei Shoigu, Mosca, 14 marzo 2016 – Credits: MIKHAIL KLIMENTYEV/AFP/Getty Images

Boris Makarenko, direttore del Center for Political Technologies, un think tank moscovita, è convinto che le elezioni legislative russe del 18 settembre 2016 si concluderanno con il trionfo di Russia Unita, il partito di Vladimir Putin. E non perché non sia profondo il malcontento popolare contro il governo, ma per un'altra ragione: perché il controllo che esercita il partito del presidente su tutti i gangli vitali dell'amministrazione pubblica è così esteso e capillare da rendere praticamente impossibile qualsiasi altro scenario post-elettorale, qualsiasi alternanza.

Persino nelle aree tradizionalmente avverse al putinismo -  come Yaroslaw, a nordest di Mosca dove nel 2011 il partito di Putin ottenne nel 2011 un misero 29% contro il 50% a livello nazionale: «Se le elezioni democratiche classiche sono un gioco con regole certe ma con un esito non prevedibile - sintetizza Makarenko - in Russia accade esattamente il contrario».

La sensazione che si respira nel Paese, quando ormai mancano meno di due settimane alle elezioni, è che il voto sia ormai diventato inutile. Che - come ha dichiarato al Financial Times Andrei Kolesnikov, il direttore di un centro studi molto rinomato in Russia - «è diventato impossibile cambiare in Russia con lo strumento del voto».

I partiti di opposizione in Russia sono sostanzialmente tre. Il Partito comunista, Una Russia Giusta, il Partito Liberale. Tutti e tre questi partiti - che oscillano tra il 10 e il 15 nei sondaggi, a fronte di Russia unita che viene accreditata di circa il 50% dei voti - finiscono sempre per votare a favore del partito di maggioranza nella Duma.

Continuano a conservare un margine di autonomia politica a livello locale e sociale, organizzano - come nel caso dei comunisti - le proteste dei lavoratori e dei pensionati, ma quando si tratta di votare alla Duma su questioni essenziali, il voto con Russia Unita è praticamente scontato.

L'unico timore del Cremlino - che spera secondo il Financial Times che l'affluenza sia bassa, potendo contare su uno zoccolo duro di consenso difficilmente scalfibile - è che possa ripetersi lo scenario del 2011, quando le elezioni furono accompagnate da proteste e polemiche per i presunti brogli organizzati da Russia Unita.

Per oliare il meccanismo del consenso - ed evitare di perdere la maggioranza assoluta nella Duma - zar Vladimir avrebbe anche dato il via libera al partito di Boris Nitov,  un businessman che avrebbe il compito di recuperare parte dei voti di quel pezzo di middle-class urbanizzata che non voterebbe comunque per il partito di Putin. Un altro passaggio chiave per evitare sorprese è stato quello di cambiare il direttore della Commissione Centrale Elettorale, l'organismo statale che vigila sulla correttezza del voto e che molte polemiche provocò nel 2011.

Un'altro modo per ridurre al silenzio le voci dissidenti è stato quello di allearsi, in alcune aree, con i partiti di opposizione a livello nazionale.

Pragmatismo e manipolazione politica. Russia Unita, secondo tutti gli analisti, stravincerà anche questa volta. Il voto, secondo il reportage del FT, è diventato un'arma spuntata.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi ha ucciso Boris Nemtsov (e perché)

Gli oppositori puntano il dito contro la propaganda ossessiva del regime che avrebbe spinto qualche estremista a punire una "quinta colonna" che minacciava la "patria assediata dagli stranieri"

Commenti