L'alleanza Macron-May per lo scacco alla Merkel

Il presidente francese cerca una sponda in Gran Bretagna. Intanto che il cancelliere cerca di formare un governo stabile in Germania

emmanuel-macron

Emmanuel Macron, presidente della Francia – Credits: LUDOVIC MARIN/AFP/Getty Images

Alessandro Turci

-

Già, il fascino discreto delle visite diplomatiche. Alla vigilia sembrano interessanti, poi si svolgono nella noia del protocollo, il giorno dopo finiscono nel dimenticatoio.

Eppure la visita del 18 gennaio che vede protagonisti a Londra il presidente francese Emmanuel Macron e il premier britannico Theresa May è importante, eccome. Non solo (e non tanto) per i temi che saranno sul tavolo: immigrazione, difesa europea e futuro del continente. Ma soprattutto per il significato politico-strategico che ha questa alleanza ora che Angela Merkel risulta una leader indebolita in questo interregno tedesco tra il voto di settembre 2017 e la difficoltosa nascita del IV governo di coalizione.

Sono due i temi principali su cui si gioca la partita di Macron: l'Europa e l'Atlantico.

La leadership in Europa

Sul primo, il ragionamento di Macron si basa proprio sulla latitanza forzosa dal palcoscenico europeo del cancelliere tedesco. Il desiderio di sostituire una Merkel indebolita alla guida dell’Europa è forte.

Per riuscirsi serve pazienza, e Macron sinora l’ha dimostrata, ma serve soprattutto un alleato, e May potrebbe essere quello giusto. Per almeno due ragioni: ora sembra di nuovo salda al governo; con la Brexit ormai decisa e instradata Londra è l’interlocutore buono per ogni occasione, perché con Brexit appunto si è guadagnata una flessibilità di manovra assai utile, in certi frangenti, per aggirare i limiti imposti da Bruxelles. E last but not least la May non può chiedere in cambio, essendo fuori dai giochi, nomine e appalti comunitari.

Macron potrebbe quindi puntare su un ruolo di leader alla pari con Merkel in Europa, e su un’amicizia forte alle sue porte, utile tutte le volte che la coperta europea dovesse rivelarsi troppo corta. E succede spesso.

Ragionamento ribaltato a specchio per Theresa May: fuori dall’Europa sì, ma con un canale preferenziale per un giro di walzer alla bisogna.

La presenza nella Nato

Il secondo tema abbraccia invece la NATO ed è preparato sull’idea che, con la presenza del leader imprevedibile Donald Trump a Washington, sarebbe auspicabile un asse Parigi-Londra per dare baricentro alla politica atlantica. Due leadership responsabili che tutelano gli interessi occidentali e ne custodiscono valori e posizionamento, mentre The Donald deve per forza di cose guardarsi alle spalle, e cioè al Pacifico con le tante minacce asiatiche presenti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Emmanuel Macron, il nuovo paladino del clima

Ha distribuito borse di studio a scienziati americani per fare ricerca in Francia e si candida a leader mondiale nella lotta al global warming

Macron alla Mitterand: la rinascita della Francia come capitale diplomatica

Parigi si proietta al centro delle strategie internazionali. Dalla scelta del leader dell'Eurogruppo al "caso Hariri" fino all'incontro con Netanyahu, ecco le mosse del presidente

Macron, Gentiloni e l'asse Italia-Francia

Sul tavolo dell'incontro tra i due leader il dossier Fincantieri-Stx, lo sblocco della Tav e la politica europea

Brexit: Theresa May vince in Europa, perde in casa

Passa in Parlamento la norma che obbliga a un voto di sostanza l'accordo finale con la UE. Un atto che rende May più debole a Bruxelles

Brexit: da che cosa e perché Theresa May rischia di essere travolta

Comincia martedì il riesame dell'European Union (Withdrawal) Bill, dal quale la premier britannica rischia di uscire ulteriormente indebolita

Commenti