Redazione

-

Alcune fotografie aeree di una lunga colonna di miliziani dell'Isis che fuggono la settimana scorsa dalla città di Manbij, in Siria, sono state diffuse dalle Forze democratiche siriane (Sdf), la coalizione a maggioranza curda che ha conquistato la città. Nella colonna, affermano le Sdf, vi erano centinaia di civili presi come scudi umani per difendersi dai bombardamenti della Coalizione internazionale a guida americana e più tardi rilasciati.

- LEGGI ANCHE: Siria, tutti i numeri di una crisi umanitaria insopportabile

- LEGGI ANCHE: Il dramma della Siria negli occhi di Omran

- LEGGI ANCHE: Aleppo città fantasma, torna l'incubo delle armi chimiche

Le immagini, diffuse oggi dal sito della Bbc, mostrano la colonna, formata da molte decine di veicoli, mentre si dirige apparentemente verso il valico di confine con la Turchia di Jarablus, a nord di Manbij. Ma è impossibile riscontrare effettivamente la presenza di ostaggi.

Le Sdf hanno preso il pieno controllo di Manbij dopo un'offensiva durata dieci settimane che è costata anche molte vittime tra la popolazione. Oltre 200 civili, secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), sono stati uccisi dai bombardamenti aerei della Coalizione a guida Usa. Durante la ritirata della settimana scorsa, ha detto il colonnello americano Chris Garver, portavoce della Coalizione a Baghdad, i jihadisti hanno fatto salire civili presi in ostaggio su ogni veicolo per evitare di essere bombardati.


Il reportage della Cnn sui festeggiamenti dopo la liberazione di Manbij dall'Isis

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti