Esteri

Incendio Notre Dame: le ultime news e le cause

Domate le fiamme. Distrutto il tetto, una guglia ma la struttura è salva. L'incendio partito da un'impalcatura. Polemiche per i soccorsi - LO SPECIALE

Notre Dame interno dopo incendio

Giovanni Capuano

-


Il giorno dopo l'incendio che ha distrutto il tetto e le guglie della Cattedrale di Notre Dame a Parigi gli inquirenti stanno cominciando con il lento lavoro alla ricerca delle cause del rogo. Nei lavori di ristrutturazione sono impiegate diverse aziende, la Polizia oggi ha sentito gli ultimi 15 operai che ieri hanno lasciato le impalcature ed il cantiere. L'inchiesta è formalmente per disastro colposo e fonti vicine agli investigatori parlano di un incendio accidentale. Si pensa ad una scintilla causata da un apparecchio elettrico, forse un saldatore, utilizzato nei lavori di ristrutturazione alla parte di sostegno di quella in legno del tetto.

Ci sono novità però sull'allarme, anzia sui due allarmi partiti da Notre Dame. Il primo, alle 18.20, a cui è seguito un controllo che ha dato esito negativo. 23 minuti dopo, quindi alle 18,43, il secondo allarme ma, quando gli addetti si sono recati sul ponteggio per verificare la provenienza del fumo, le fiamme erano già partite.

Non ci sono evidenze di dolo, attentato o gesto volontario.

Intanto i responsabili della Diocesi hanno confermato che l'altare centrale e la grande croce, oltre alle reliquie più preziose, sono salve.


Macron: "Ricostruiremo Notre Dame"

Poco prima della mezzanotte ha parlato il Presidente francese, Macron:

"Ringrazio i pompieri che da ore stanno lottando per spegnere le fiamme. L'incendio è stato arginato; le prossime ore saranno cruciali ma la struttura dovrebbe resistere. Stasera vorrei dire che i nostri pensieri sono a tutti i cattolici di Francia e del mondo. Vorrei esprimere un pensiero per i parigini perché Notre Dame è la loro cattedrale ed immagino che per ciascun cittadino ogni fiamma apparsa sul tetto sia stata una grossa emozione. E' la nostra storia, la nostra letteratura, l'epicentro della nostra cultura, il punto da cui partono tutte le distanze delle strade che partono da Parigi, una cosa che è di tutti i francesi. E' la nostra storia ed ora brucia. Dobbiamo avere speranza ed orgoglio: i pompieri che hanno salvato quello che resta. Noi salveremo questa cattedrale ed il progetto per ricostruirla comincerà domani, lanceremo un appello ai più grandi talenti del paese e verranno qui per dare il loro contributo. Noi ricostruiremo Notre Dame perchè è quello che i francesi ci chiedono"

Incendio Notre Dame: la cronaca

L'incendio è stato segnalato ai Vigili del Fuoco di Parigi intorno alle 18,50. Inizialmente si è trattato di un filo di fumo bianco dal tetto che rapidamente si è trasformato nel rogo che in meno di un'ora ha causato il collasso del tetto e della guglia centrale, una delle immagini iconiche della capitale francese.

Le fiamme si sono sviluppate - secondo la prima ricostruzione dei fatti - sulle impalcature che erano state momentaneamente montate per i lavori di restauro che dovevano intessare per i prossimi anni la Cattedrale. La zona intorno a Notre Dame è stata rapidamente evacuata e messa in sicurezza.

L'incendio è stato seguito in diretta da centinaia di passanti e turisti che hanno dato l'allarme e poi hanno assistito attoniti alla devastazione di Notre Dame. In un primo momento è stata risparmiata la facciata anteriore con le due torri e i pompieri hanno lottato a lungo per preservarla.

Intorno alle ore 20,30 un portavoce della Diocesi di Parigi ha annunciato all'Associated Press che le fiamme si sono trasferite all'interno della Cattedrale: "Sta bruciando tutto. Non resterà nulla". Il fuoco sta distruggendo la struttura in legno del XIII secolo. La Procura di Parigi ha annunciato l'immediata apertura di un'indagine sulle cause del rogo. Non risultano vittime o feriti.

Intorno alle 22 le fiamme hanno colpito anche una delle due torri della facciata mettendo a rischio la sopravvivenza stessa della struttura e obbligando i soccorritori a una corsa contro il tempo per cercare di fermare il rogo.

Alle 22,20 il capo dei vigili del fuoco di Parigi annuncia che l'ora successiva sarà fondamentale per evitare il crollo della Cattedrale. Intanto i vigili del fuoco provano a mettere in salvo le opere d'arte più importanti.

Un vigile del fuoco sia rimasto gravemente ferito nel tentativo di lottare contro le fiamme.

Incendio Notre Dame: le cause

Sarà l'inchiesta a fare luce su come sia stato possibile che un monumento del valore della Cattedrale di Notre Dame possa aver preso fuoco in maniera così distruttiva in pieno giorno. La prima ricostruzione è che le fiamme si siano sviluppate dall'impalcatura sul tetto, "potenzialmente" legato ai lavori di restauro che erano iniziati da qualche giorno.

Le fiamme hanno distrutto il tetto che era ancora quello terminato nel 1326 alla fine della costruzione iniziata nel 1163. Il restauro aveva previsto la rimozione di 16 sculture di rame raffiguranti Gesù, i 12 apostoli e i simboli degli evangelisti che, dunque, si sono salvati dal rogo così come molti degli arredi sacri che erano, a quanto si apprende, conservati nelle sacrestie che non sono state colpite dall'incendio.

Incendio Notre Dame: le reazioni

L'immagine della Cattedrale in fiamme ha suscitano profondo sgomento in tutto il mondo occupando nell'arco di pochi minuti le prime pagine di tutti i siti internazionali. Il presidente francese Emmanuel Macron, che aveva in programma un discorso alla nazione, ha sospeso ogni attività per recarsi sul posto: "Come tutti i nostri compatrioti sono triste stasera di vedere una parte di noi andare in fiamme"

Dagli Stati Uniti è intervenuto con un tweet Donald Trump: "E' terribile guardare l'incendio di Notre Dame. Forse aerei cisterna potrebbero essere usati per spegnere le fiamme. Bisogna agire velocemente!". Parole che hanno obbligato la Protezione Civile francese a prendere posizione spiegando che "rilasciare acqua da un aereo su questo tipo di edificio potrebbe causare il crollo dell'intera struttura".

Migliaia di cittadini di Parigi si sono radunati lungo le sponde della Senna, fin dove è stato possibile avvicinarsi, per pregare e cantare assistendo al lavoro incessante dei Vigili del Fuoco. Una notte angosciosa, trascorsa dai parigini intorno al loro simbolo.

Sul web all'interno di siti legati all'Isis e all'estremismo islamico sono comparsi commenti di gioia per quanto accaduto.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti