Esteri

Chi sono i leader della rivolta di Hong Kong

Il professore, l'uomo di Chiesa, il teenager, i leader studenteschi: i volti noti della protesta che sta infiammando l'ex colonia britannica

Hong Kong

Paolo Papi

-

Ma chi sono i leader della rivolta che sta infiammando Hong Kong? Chi tira le fila di questo movimento urbano e giovanile che chiede a gran voce al capo dell'esecutivo locale, Chun-ying Leung, di lasciare l'incarico se vuole evitare l'occupazione di tutti gli edifici governativi? Chi sta animando insomma la rivolta democratica e nonviolenta di Occupy Central? E quali sono i loro obiettivi, oltre a quello di potere eleggere a suffragio universale gli uomini chiamati a governare l'ex colonia britannica?  A queste domande prova a rispondere Foreign Policy, il bimestrale del Washington Post dedicato alle relazioni internazionali: uno squarcio sulla composizione del movimento che sta togliendo il sonno ai leader di Pechino.

Il professore di legge

Hong Kong

Benny Tai – Credits: Getty

Benny Tai è un professore associato di diritto all'Università di Hong Kong, dove si è sempre formata la classe dirigente locale. È considerato il fondatore di Occupy Central with love and peace, il movimento che sta infiammando l'ex colonia britannica.  Fu lui per primo, nel gennaio 2013, quando ancora sembrava regnare l'ordine, a scrivere sull'autorevole Hong Kong Economic Journal un articolo che auspicava la nascita di una grande mobilitazione di disobbedienza civile. Il 27 settembre dopo i primi violenti scontri tra gli studenti e la polizia cinese, ha annunciato la nascita ufficialmente del movimento nonviolento che aveva auspicato, sostenendo che non si sarebbe sciolto fino alle dimissioni di Leung. 

Il sociologo

Hong Kong

Chan Kin-man – Credits: Alex Ogle/AFP/Getty Images

Sociologo, insegna alla Chinese University di Hong Kong. Dopo il suo coinvolgimento nel movimento, Chan-Kin-Man si è volontariamente dimesso ad agosto dal suo ruolo di direttore dell'autorevole centro studi dell'Università per evitare critiche di parzialità e rischi repressivi contro il campus dove lavorava. È considerato per questo dai suoi ex studenti un esempio di integrità patriottica e rigore intellettuale.

L'uomo di Chiesa

Hong Kong

Chu Yiu-Ming – Credits: Alex Ogle/AFP/Getty Images

Storico attivista dei diritti civili, 70 anni, Chu Yiu-Ming è cresciuto in Cina conoscendo le asprezze del drammatico periodo della Rivoluzione Culturale. Ha aiutato molti reduci di piazza Tienanmen a fuggire dal Paese dopo la violenta  repressione che il Pcc scatenò all'indomani della rivolta del 1989. Considerato uno dei leader di Occupy Central, nonostante dica di temere fortemente la ferocia del Partito comunista cinese, si affida alla fede, «perché se non crediamo perderemo tutto».

Il leader teenager

Hong Kong

Joshua Wong – Credits: Getty

17 anni, Wong è il fondatore del movimento Scholarism nel 2012 come risposta alla decisione del governo filocinese di Hong Kong di introdurre nelle scuole superiore il corso obbligatorio di educazione patriottica. Il movimento che ha fondato, portando in piazza fino a 130 mila studenti a protestare davanti ai palazzi dell'esecutivo locale, è stato accusato dai membri più vicini a Pechino di prendere soldi dagli Stati Uniti, un'accusa che a Hong Kong equivale a essere considerato venduti agli imperialisti. Il 26 settembre scorso, mentre la piazza si ingrossava per chiedere le dimissioni di Leung, è stato arrestato dopo aver tentato di arrampicarsi con alcuni suoi compagni sulla facciata di un palazzo del governo. Rilasciato tre giorni dopo senza cauzione è ritornato in piazza.


Il capo degli studenti

Hong Kong

Alex Chow – Credits: Lam Yik Fei/Getty Images

24 anni, Alex Chow è il segretario generale dell'Hong Kong Federation of Students (HKFS), una grande organizzazione studentesca che ha lanciato il movimento di boicottaggio nelle scuole e nelle università. Qualche giorno fa ha denunciato all'Harbour Times, un quotidiano bilingue di HK, di essere costantemente pedinato e avere il cellulare sotto controllo. Pur non avendo una grande esperienza politica e organizzativa, il successo del movimento di protesta che ha infiammato le scuole e i campus di Hong Kong ha trasformato questo studente di letteratura dell'Università in uno dei volti più amati (e odiati) di Occupy.

L'altro leader studentesco

Hong Kong

Lester Shum – Credits: Getty

Studente in scienze politiche presso l'Università di HK, Lester Shum non ha una grande esperienza politica e organizzativa alle spalle ma come Alex Chow, con cui ha condiviso l'esperienza del carcere durante gli scontri della scorsa settimana, è salito subito alla ribalta, diventando uno dei punti di riferimento dei giovani democratici dell'ex colonia britannica. Recentemente ha confessato di essersi politicizzato su un forum di studenti di Hong Kong.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Hong Kong, 5 libri per la città asiatica più europea

Molta Cina e un pizzico abbondante di Occidente fanno da sfondo ai libri che crescono nel dinamismo, nei profumi e nel gran caos di Hong Kong

Capelli rasati per la democrazia a Hong Kong

Le foto di una nuova azione di protesta contro le limitazioni imposte da Pechino alla libertà di scelta nelle elezioni locali previste per il 2017

La rivolta per la democrazia di Hong Kong

I manifestanti di Occupy Central aggrediti dalla polizia. E da Pechino le minacce si fanno pressanti

Hong Kong: perché i giovani protestano

Minacciati dal capo del Governo che chiede la fine delle proteste, non arretrano: oltre al suffragio universale, chiedono maggiore autonomia dalla Cina

Hong Kong: dura posizione della Cina

Il governo di Pechino assicura pieno appoggio al governatore dell'ex-colonia contro i manifestanti. Rischio di una nuova piazza Tienanmen?

La bellezza della protesta a Hong Kong

Venti immagini delle manifestazioni per la democrazia che coraggiosamente proseguono nella piccola regione autonoma speciale della Cina

Hong Kong, la rivoluzione degli ombrelli sfida il regime cinese

Il governatore chiede ai manifestanti di sgomberare la piazza, mentre Pechino osserva in silenzio le evoluzioni della protesta

Commenti